Colpo alla posta: via con 30mila euro

Nessuna traccia dei malviventi

Hanno scardinato con un pick up il vetro antisfondamento e si sono fatti strada all'interno dell'ufficio postale, armati di un fucile a canne mozze e di una pistola. Attimi di paura, ieri mattina, a Diso

Sono stati attimi di vero panico quelli che le persone che si trovavano ieri presso l’ufficio postale di Diso hanno vissuto alle otto e mezza circa della mattina. Giorno di pagamento di pensioni. E infatti in cassaforte erano custoditi 30mila euro. La cassaforte non è servita però, per dissuadere i malintenzionati. In tre hanno confezionato una rapina in grande stile. Con un pick up sul quale hanno collocato due traversine da binari si sono fatti stradi attraverso i vetri antisfondamento; e poi hanno proseguito la folle corsa in direzione del vetro che separa i clienti dagli impiegati ed hanno sfondato anche quello, intimando ai presenti, dietro la minaccia di un fucile a canne mozze e di una pistola, di restare per terra. Poi si sono dati alla fuga a piedi, fino ad un’auto di grossa cilindrata che si trovava qualche metro più avanti, lasciando lì il mezzo che era servito da sfondamento. Le indagini proseguono; si teme una ripresa delle rapine in grande stile di fine anni ’90.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!