Allarme sassi dal cavalcavia

I carabinieri sulle tracce dei colpevoli

Non ci sono stati feriti; ma la banda dei sassi dal cavalcavia ha colpito due volte in un giorno: prima sulla Soleto-Martano e poi sulla Lecce-Maglie. Ritorna l'allarme di qualche anno fa

Erano a bordo di un’auto scura, probabilmente una cinque porte. Ma sarà necessario trovare nuovi testimoni per disegnare l’identikit esatta di chi, nei giorni scorsi, ha pensato di combattere la noia in una maniera poco lecita: gettare dei sassi dal cavalcavia, contro le autovetture in corsa. Fortunatamente non sono stati riportati danni agli occupanti le auto, che se la sono cavata solo con un grosso spavento. La banda dei sassi ha colpito due volte; prima sulla Soleto-Martano, intorno alle ore 19, lanciando sassi dai finestrini dell’auto e andando a colpire un’Alfa 145; poi sulla Lecce-Maglie, in direzione sud, dove ha preso di mira i veicoli che si muovevano in direzione opposta.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!