[DVD] Sapori e dissapori

Una commedia d'amore in (alta) cucina. Dal regista di Shine.

L'ordinata esistenza di Kate Armstrong, chef del raffinato ristorante '22 Bleecker' di Manhattan, ossessionata dalla perfezione e dall'idea di avere sempre tutto sottocontrollo, viene messa a soqquadro dalla morte della sorella che le lascia in affidamento la nipotina di nove anni, e dall'arrivo nella sua cucina di un nuovo e affascinate aiuto-cuoco, Nick Palmer. Deve essere merito di Ratatouille e del fatto che mi piacciono le cucine dei grandi ristoranti. Perché nonostante tutto non ho detestato questo film. Questo No Reservations, remake di un film tedesco con Castellitto, è diretto da quel sopravvalutato di Scott Hicks e si vede. Manca di ritmo, innanzitutto. E di idee, che sono poche e tendono a ripetersi. E già basterebbe per far fallire una commedia. Però qui abbiamo anche i dialoghi piatti, e siamo a posto. Ma come ho detto, non tutto è da buttare e alcune piccole cose fanno sì che questo film sia guardabile. Innanzitutto la dolcezza di alcune scene, nella prima parte della pellicola, in cui Kate, pur non sapendo come fare, si apre all'amore verso la nipotina. C'è un tocco di leggerezza e grazia in quelle scene, merito soprattutto dell'interpretazione di Catherine Zeta-Jones, e tanto basta per renderle appetibili. Poi ci sono gli interpreti, Catherine Zeta-Jones è brava e bellissima, Aaron Eckhart perfettamente in ruolo. Infine c'è Paolo Conte. Via con me in un film americano, so' soddisfazioni ;-P voto 5+

[Sapori e dissapori (USA, Australia 2007) (No Reservations) di Scott Hicks. Con Catherine Zeta-Jones, Aaron Eckhart, Abigail Breslin, Patricia Clarkson, Bob Balaban.]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!