Se lo sport è un gioco

Prima tappa di GiocoSport ad Ugento

Prederà il via alle ore 9 di oggi presso il Palazzetto dello Sport di Ugento, la prima tappa del progetto “GiocoSport”, pianificato e sviluppato con l'ausilio tecnico del Coni

Trentuno scuole elementari aderenti al progetto, 620 alunni iscritti alle gare, oltre 5mila partecipanti: sono queste le cifre, raddoppiate rispetto al 2007, della quarta edizione leccese di “GiocoSport”, che vivrà la sua prima tappa a partire dalle ore 9 di oggi nel Palazzetto dello Sport di Ugento. La manifestazione, che ogni anno riscuote sempre più successo rispetto alle precedenti edizioni, è rivolta ai bambini delle terze, quarte e quinte classi della scuola primaria ed ai loro insegnanti, coinvolti in attività ludico-motorie semplici e divertenti, differenziate per ciascuna classe in base ai differenti stadi di sviluppo fisico, psichico ed emotivo dei bambini stessi. Anche quest’anno l’attività di “GiocoSport” è stata pianificata e sviluppata con l’ausilio dello staff tecnico del Coni, che ha affiancato gli insegnanti e diffuso il progetto nelle scuole, alle quali il Comitato Provinciale Coni di Lecce ha fornito mate-riali sportivi e piccoli attrezzi necessari allo svolgimento delle attività proposte. Consapevole della sedentarietà e delle cattive abitudini alimentari diffuse tra i giovani, attraverso questo progetto il Coni nazionale intende affiancare le Istituzioni nella diffusione della cultura motoria e sportiva e di stili di vita attivi, offrendo al mondo scolastico proposte di potenziamento dell’attività motoria negli anni in cui prendono avvio i percorsi di formazione e di apprendimento dei bambini. La seconda tappa del progetta è prevista per il 24 maggio presso il Palazzetto “S. Giuseppe da Copertino” di Lecce ci sono invece. Al termine della seconda tappa, saranno assegnati un trofeo alla scuola vincitrice, targhe a tutti i partecipanti ed un premio speciale per il migliore cartellone o striscione inneggiante allo sport.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!