Truffa con le auto

Indagati marito e moglie

Truffa ai danni di una decina di clienti che avevano ordinato una vettura nuova, dando in permuta la propria, e avevano versato anche l'anticipo

Sono sfociate in un’inchiesta le denunce presentate dai clienti della concessionaria “Caracciolo auto Sas” che pagarono un acconto, diedero l’usato in permuta e qualcuno, dopo qualche mese, cominciò pure a pagare le rate per paura di essere protestato, pur non vedendosi mai consegnare il modello di automobile scelto tra la gamma della casa Hyndai. L’ipotesi di reato di truffa continuata e in concorso è contestata a Gianfranco Caracciolo e alla moglie Adalgisa Amato, entrambi di Squinzano. Le denunce sono venti in tutto per un ammontare superiore a 150mila euro. I fatti risalgono al periodo compreso tra la fine del 2006 e l’inizio del 2007. Caracciolo sta cercandoo di trovare un accordo con alcuni degli ex clienti tramite transazioni proposte dal suo avvocato difensore Fabio Vitale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!