Confindustria. Negro a capo della Sezione Information technology

Le elezioni del 21 aprile

L'obiettivo di Giancarlo Negro, neo-eletto presidente della Sezione Information technology di Confindustria Lecce, è rafforzare il sistema Salento dal punto di vista dell’innovazione

E’ Giancarlo Negro il presidente della neo nata Sezione Information technology di Confindustria Lecce, eletto nel corso dell’assemblea dello scorso 21 aprile. La Sezione, istituita per dare seguito alle istanze specifiche di un settore vicino a quello dei servizi, caratterizzato, però, da una maggiore crescita e da criticità peculiari, soprattutto in termini di infrastrutture tecnologiche, ha l’ambizione di aggregare le imprese che si occupano di information technology. Oggi la Sezione consta di ben 18 imprese insediate nella Provincia di Lecce. 41 anni, amministratore della Links Management & Technology, impresa che si occupa di consulenza informatica a livello nazionale, Giancarlo Negro guiderà la Sezione per tre anni, così come prevede lo Statuto di Confindustria Lecce. Sono stati eletti, nella stessa seduta: Salvatore Lia – I. & T. vicepresidente della Sezione, Giovanni Rizzello QBR – delegato all’Internazionalizzazione; Dario Coronese – Kronos – delegato Piccola industria; Adalberto Perrone – Newsoft – per l’aggiornamento del sito di Confindustria Lecce sulle attività della Sezione. Dopo aver ringraziato i colleghi per la fiducia accordatagli, Giancarlo Negro ha spiegato che la Sezione dovrà agire per rafforzare il sistema Salento dal punto di vista dell’innovazione: “Per centrare questo obiettivo – ha detto – vorremmo da un lato, aggregare altre strutture che operano nel settore, e dall’altro, incrociare la domanda e l’offerta di innovazione sui mercati nazionali ed esteri. A tale scopo – ha continuato – avvieremo una sinergia con l’Università e lavoreremo per l’internazionalizzazione delle nostre imprese. In ogni caso entro la fine di maggio, dopo un’attenta analisi delle esigenze manifestate dagli associati del settore, presenterò nei dettagli il programma definitivo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!