Papa inaugura teomostro

La cerimonia a Leuca

Il papa sarà a Leuca nel mese di giugno per inaugurare il nuovo santuario, da alcuni definito teomostro

Una consigliere comunale PD di Lecce, l'avv. Rita Quarta, si è astenuta sulla proposta, votata da tutti gli altri colleghi, di consegna delle chiavi della città al papa che sarà in Puglia ai primi di giugno. Da credente e laica ha stigmatizzato la loro codina, strumentale propagandistica prostrazione verso il pontefice che neanche passerà dalla città. Il papa da Brindisi volerà su Leuca dove è stato progettato il raddoppio del santuario, un teomostro, un'opera in spregio all'ambiente, al paesaggio, alla normativa regionale. Vescovo e Sindaco del Comune di Castrignano del Capo avevano puntato ad una sbrigativa approvazione. Sembrava per entrambi a portata di mano il nuovo business del turismo religioso, una ghiotta torta con la ciliegina della benedizione papale della prima-pietra. Ma la denuncia di Italia Nostra e dell'Uaar, un ufficioso accennato dissenso di associazioni professionali di architettura che terranno a giorni un importante convegno, l'esposizione autoglorificativa del prelato e primo cittadino hanno innescato un deterrente. Dalle segrete stanze del potere locale è trapelata la notizia di una riservata indirizzata al vescovo e forse anche al Sindaco per richiamarli ad una maggiore sobrietà mediatica ed istituzionale, riguardo ad un'opera di difficile varo. Certo la c.d. “eredità cristiana e democristiana”, tanto cara ad alcuni politici, sembra interrompersi, cadere proprio col “Tacco d'Italia”. Giacomo Grippa Unione degli atei e degli agnostici razionalisti, circolo di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!