Salento che tende a destra

I commenti di Ugo Lisi

Ugo Lisi, componente del coordinamento nazionale del Gruppo An e responsabile del Dipartimento delle Politiche Sociali presso la Regione Puglia commenta l'esito delle elezioni

La voglia di cambiamento che l’intero Salento ha dimostrato premiando il Popolo della Libertà alla Camera e al Senato, ha avuto un riscontro eccezionale anche nelle Elezioni Amministrative in cui sono stati eletti quasi tutti i nostri candidati a sindaco con percentuali entusiasmanti. Da Tricase a Squinzano, da Surbo a Vernole, da Guagnano a Monteroni, da San Donato a Santa Cesarea, per finire con Spongano. Il Salento ha accolto e abbracciato per intero il progetto del Pdl, le sue ricette e i suoi programmi. In qualità di Presidente Provinciale di una delle anime più importanti del Pdl avverto il dovere morale di ringraziare tutti presidenti di circolo di Alleanza Nazionale che, nei comuni in cui si è votato, sono stati un perfetto centro di coordinamento tra il tessuto territoriale a loro più vicino e le linee guida a livello provinciale e regionale. Le vittorie e le sconfitte, in politica come in tutti i campi dell’agire umano, non sono mai il frutto del caso ma sono sempre la risultante di una pluralità di concause che devono essere armonizzate e bilanciate. È evidente a tutti che il Popolo della Libertà, articolato nelle sue anime vitali, ha avuto una marcia in più del Pd su tutto il territorio nazionale. Il Salento ha dimostrato che il programma liberale di Silvio Berlusconi e Gianfranco Fini, ancorato a principi sociali di difesa assoluta e totale delle fasce più deboli e bisognose, rappresenta la direzione attraverso la quale i cittadini ci chiedono di andare. Ai tanti sindaci e consiglieri comunali neoeletti del Pdl e a tutti coloro che sono stati premiati dal vastissimo elettorato di centrodestra, che si è ritrovato nuovamente compatto e unito e che non comprende alcuna divisione di sorta, il mio personale augurio di buon lavoro anche a nome della Federazione Provinciale di An che ho l’onore di rappresentare. Per i nostri sindaci e per tutti gli amministratori vale la stessa regola alla quale dobbiamo adeguarci noi parlamentari: responsabilità, responsabilità, responsabilità! Le attese dei cittadini a tutti i livelli sono talmente alte che non è possibile disattenderle e sottovalutarle. E sono certo che proprio dai nostri amministratori locali partirà quella spinta per la ripresa e la rinascita del Paese. Ugo Lisi

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!