Torna libero il tasso Zeero

Il mammifero è stato curato ed è pronto per ritornare alla vita di sempre

Era stata ferito da un’automobile. Dopo le cure presso il centro per il recupero della fauna selvatica, alle ore 18 di oggi sarà reintrodotto nel suo habitat naturale, ossia in località “Punta della Suina”, nello stesso luogo dove era stato ritrovato

Dopo le cure e il periodo di ricovero, presso l’Osservatorio faunistico provinciale di Calimera, Zeero è pronto a ritornare alla vita normale. Zeero (come è stato battezzato dai volontari dell’osservatorio) è l’esemplare di tasso recuperato ferito, dopo essere stato investito da un’automobile, nel mese di febbraio scorso da due agenti del Commissariato di Gallipoli durante il servizio di pattugliamento notturno. Dopo le prime cure era stato trasferito presso il centro per il recupero della fauna selvatica. Questo pomeriggio, alle ore 18, avverrà la cerimonia di reintroduzione in habitat naturale del tasso, ossia in località “Punta della Suina”, nello stesso luogo dove era stato ritrovato. Saranno gli stessi agenti che lo hanno recuperato, gli assistenti capo di Ps Maurizio Coralli e Maurizio Foggiaro, a liberare simbolicamente il mammifero. Alla cerimonia saranno inoltre presenti: il Commissario prefettizio di Gallipoli, dott. Angelo Trovato; l’assessore del Comune di Calimera, Gaetano Coppone; il dott. Quintino Sabato e l’ispettore Gianluca De Nuzzo dei servizi veterinari dell’Asl, che hanno somministrato le prime cure al tasso Zeero; il Commissario Ps di Gallipoli, Pantaleo Nicolì; lo staff dell’Osservatorio faunistico e il suo responsabile, Sandro Panzera. Oltre a Zeero, i volontari del centro di recupero di Calimera reintrodurranno in habitat naturale anche tre esemplari di rapaci diurni (uno sparviero, un gheppio e una poiana), anche questi curati presso l’osservatorio faunistico, che presentavano ferite da arma da fuoco. Sarà l’occasione, soprattutto per i bambini, di vedere da vicino questi animali rari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!