Made in Italy. Missione riuscita

Siglato l'accordo tra Brenta e Casarano

Viva soddisfazione è stata espressa da Palazzo dei Domenicani per la firma dell’accordo “Due passi avanti per il Made in Italy”, siglato l’altro ieri a Roma presso il Ministero dello Sviluppo Economico, tra Confindustria di Lecce e gli imprenditori della Riviera del Brenta

Il sindaco di Casarano, Remigio Venuti, non convocato al ministero per la firma dell’accordo, in un telegramma inviato al ministro Pierluigi Bersani e agli altri protagonisti dell’iniziativa, ha rivendicato i risultati del progetto integrato territoriale Pit9, di cui è il presidente, e l’idea di puntare sui partenariati territoriali. “Siamo stati noi amministratori territoriali – scrive Venuti – in un primo embrionale momento, a sostenere e a spingere fortemente in direzione di una cooperazione territoriale capace di mettere in rete le eccellenze del sistema Italia, e per questa ragione non posso non sottolineare la giustezza di quell’intuizione che poi, grazie ad organizzazioni datoriali e sindacali, e all’attenzione degli Enti di Governo regionale e del Ministero dello Sviluppo economico, è divenuta strategia concreta”. Venuti, infine, ha espresso l’auspicio che la presentazione del progetto possa essere presentato anche a Casarano, “perché finalmente dopo la crisi che ha così fortemente colpito grande parte del nostro Tac noi si possa presentare risposte importanti nel nome dell’alleanza tra territori e della qualità dei prodotti”. L’accordo, che vede impegnati Confindustria Lecce, l’Acrib (l’associazione dei calzaturifici della Riviera del Brenta) e le organizzazioni sindacali nazionali e regionali, è finalizzato all’avvio di partenariati produttivi e di azioni di integrazione sul territorio salentino, che diano slancio e rilancio al calzaturiero, migliorando al qualità dei prodotti e contribuendo a riqualificare le risorse umane. Si darà il via, altresì, ad investimenti di imprese di produzione di qualità nel Salento, con indubbi vantaggi dal punto di vista dell’attrattività territoriale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!