Colombe pasquali e pane

Prezzi a confronto

Come mai il prezzo del pane ha superato nettamente il costo delle colombe pasquali? Ecco i commenti di un nostro lettore

Sugli scaffali di due distinti supermercati, rispettivamente in Puglia e in Lombardia, ho avuto modo di scorgere pile di colombe pasquali classiche prodotte da una nota industria italiana del settore, in vendita ad euro 1,99 per confezione da un kg. di peso netto. Il prezzo di tale dolce, dunque, è più basso di quello del pane, che, come noto, si attesta fra i 2 e i 4 euro al chilogrammo, con picchi addirittura maggiori da taluni prestinai chic. Si rimane, quindi, perplessi di fronte a qualche recente decisione di abbassare i listini (50 panificatori padovani, da 3,50 euro a 2,70 e i fornai lombardi da 3,55 euro a 2,70, ma soltanto nella quarta settimana). Domanda: ricorrendo in entrambi gli alimenti lo stesso ingrediente di base (farina), c’è forse da paventare che i fabbricanti delle colombe utilizzino materie prime di scarto, taroccate e potenzialmente nocive per la salute dei consumatori? Ovvero, che la categoria dei panificatori meni sfacciatamente il can per l’aia adducendo ampie lievitazioni nelle quotazioni del grano (bisognerebbe, comunque, che specificasse i vecchi e i nuovi parametri di riferimento), mentre, di fatto, continua a lucrare di enormi, immeritate e ingiustificate rendite di posizione? Mi sa tanto che l’ipotesi più verosimile sia la seconda. Che dire? Autorità, associazioni ed enti interessati, d’ogni ordine e grado, se vi sono abusi, intervenite presto e severamente. Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!