Sistema Puglia a “La Dolce Vita Show” di Londra

Cresce il mercato pugliese

Successo di pubblico e di addetti ai lavori per le eccellenze del Sistema Puglia a “La Dolce Vita Show” di Londra svoltasi lo scorso 16 marzo

La più importante manifestazione dedicata alla promozione del “Made in Italy” in Gran Bretagna ha fatto registrare numeri davvero importanti per la presenza pugliese: 256 mq per lo spazio “Apulia Italian Excellence”, 16 tra imprese e consorzi del settore agroalimentare e prodotti della pesca rappresentati, 2 del turismo, 2 fra moda ed artigianato pari al 20% del totale degli espositori provenienti da tutta Italia. Numerosissimi i contatti avviati dai singoli imprenditori e consorzi presenti grazie anche allo SPRINT (lo Sportello Regionale per l’Internazionalizzazione delle Imprese), e allo sforzo organizzativo della Regione Puglia, Assessorato allo Sviluppo Economico ed Innovazione Tecnologica, rappresentato da Sandro Frisullo Vice Presidente della Regione. Gli incontri che si sono tenuti in terra inglese si trasformeranno in occasioni concrete di collaborazioni e joint venture, considerata la grande attenzione riservata alla Puglia dai ristoratori e buyer locali (imprenditori e GDO). ”Ci sono ancora degli spazi accessibili sul mercato inglese – spiega Frisullo – ma sono riservati a prodotti di nicchia di vera eccellenza, proprio come quelli pugliesi. La presenza istituzionale, dell’Assessorato e della Regione, e’ senza dubbio importante e deve essere forte ma noi puntiamo ad accompagnare la creatività e la qualità delle aziende. L’immagine della Puglia che proponiamo – aggiunge l’Assessore – deve essere quella di un Sistema che coinvolga ogni aspetto della nostra cultura. La cucina ha un ruolo predominante ed il grande successo di pubblico presso i singoli stand ne e’ la dimostrazione”. Non si sono fatti attendere, però, neanche i buyer che dopo aver seguito percorsi di degustazione guidata hanno voluto sapere di più dei prodotti che avevano appena consumato. La Regione Puglia ha, infatti, puntato a mostrare e spiegare le sue eccellenze. Non semplici degustazioni di prodotti ma vere e proprie “scuole del gusto” tenute dallo Chef Mino Maggi, uno dei massimi rappresentanti della cucina italiana nel mondo. Tre volte al giorno, per tutta la durata della Fiera, 18 selezionati ospiti (buyer, giornalisti) hanno avuto la possibilità di gustare piatti della tradizione pugliese preparati con prodotti freschi di qualità eccezionale: dal grano all'olio, dalla pasta di semola di grano duro, fatta a mano, agli asparagi, dall'agnello ai formaggi. Anche i numeri delle produzioni danno l'idea del peso economico della Puglia nell’offerta agroalimentare “made in Italy”: il 58% dell'olio d'oliva d'Italia, il 12% di quello europeo, 6 oli DOP (per 5 province), 254 vini DOC (la 26^ presentata proprio a Londra ed in attesa del decreto ad aprile), 2° posto al mondo per produzione di asparagi, 1° posto per quantità di vino prodotto, il 2° Moscato migliore al mondo. A questo si aggiungono le bellezze dei territori, ormai da anni conosciute ed apprezzate dai numerosi turisti italiani e stranieri, un artigianato locale con nicchie di qualità straordinaria (bigiotteria con materiali riciclati, tessile-abbigliamento di ottima fattura ed originale creatività). Della Regione Puglia, e di tutti questi aspetti di particolare interesse, si sono occupati anche scrittori inglesi contemporanei come Christine Smallwood che proprio oggi a “La Dolce Vita Show”, presso lo stand Apulia Italian Excellence, ha presentato il volume An Appetite for Puglia: The People, The Places, The Food. “Sei mai stata in Puglia? Questo mi chiedevano in molti durante i miei viaggi in Italia – dice Christine Smallwood – e così mi sono decisa a visitarla e ne è nata una guida che promette già di avere un grande successo. Il mio libro – continua la Smallwood – racconta storie di persone, cibi e luoghi che sono gli aspetti più interessanti per chi intraprende un viaggio. La Puglia – conclude la scrittrice – è senza dubbio una delle regioni d 'Italia più complete ed interessanti, sotto ogni punto di vista”. Molto soddisfatti tutti i partecipanti alla mostra-mercato londinese che ha permesso non solo di esporre i prodotti, come in una vetrina, ma ha anche fatto registrare un’interessante vendita al dettaglio che e’ servito come un vero e proprio test di mercato per i nostri produttori. Gli inglesi hanno dimostrato di apprezzare le particolarità dei prodotti pugliesi, l’alta qualità, la possibilità di abbinamenti con diversi piatti, vini ed oli. Adulti e bambini hanno passeggiato tra i vari stand degustando dal dolce al salato, cercando di imparare anche qualche parola di italiano e qualcosa in più del ricco territorio pugliese. Un mercato quindi pronto ad accoglierci.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!