Incidente Andrano-Depressa. Hashish nel sangue dell'investitrice

Il risultato delle analisi complica la situazione della donna

Due testimoni oculari hanno riferito di aver visto sbandare più volte la Opel Zafira prima dello scontro con la Fiat 500. Non solo. Le analisi hanno rinvenuto tracce di hashish nel sangue della conducente

Si aggrava la situazione della donna di 33 anni che era alla guida dell’Opel Zafira che ha causato l’incidente di mercoledì mattina sulla Andrano-Depressa, nel quale hanno perso la vita quattro donne di Marittima di Diso. Dalle analisi che sono state effettuate sulla conducente della vettura presso il Pronto soccorso dell’ospedale di Tricase, infatti, sono emerse tracce di hashish. Ma non sono solo le analisi a rendere più cupa la situazione dell’indagata. Due testimoni oculari hanno infatti riferito che l’auto guidata dalla 33enne avrebbe sbandato diverse volte prima di finire nella corsia opposta e di scontrarsi con la Fiat 500 con a bordo le quattro anziane. Un andatura a zig-zag, hanno riferito le testimoni, che ora toccherà stabilire se potesse essere causata dal consumo di hashish da parte della conducente.

Leave a Comment