Le città a scuola di estetica

Estetica degli spazi urbani del territorio. Corso di formazione a cura di Fondazione Rico Semeraro e Osservatorio Urbanistico Teknè

Teknè – percorsi di formazione in contestualizzazione e fruizione dell’arte urbana: formare i funzionari della P.A. che operano nel settore urbanistico e gli operatori culturali del Salento

“Teknè – percorsi di formazione in contestualizzazione e fruizione dell’arte urbana”. E’ il Progetto approvato dalla Regione Puglia nell’ambito del P.O.R. 2000/2006, e promosso da Fondazione Rico Semeraro, in partnership con Università del Salento – Dipartimento di Scienze sociali e della Comunicazione, Istituto delle Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, Studio Associato Korema – Turismi e comunicazione, Osservatorio Urbanistico TeKnè e Consorzio SER.S.SUD . Il fine dell’azione progettuale è quello di formare i funzionari e i dirigenti della P.A. che operano nel settore urbanistico, e gli operatori culturali del Salento, che siano in grado di svolgere azioni di promozione del territorio, attraverso l’armonizzazione delle esperienze urbanistiche e culturali passate, presenti e future. Il progetto parte dalla considerazione che i destinatari della proposta formativa debbano essere dapprima sensibilizzati alla cultura dell’estetica urbana e, contemporaneamente, portati ad interrelazionarsi in una rete mediatica, con l’ausilio di sistemi open source interconnessi tra loro grazie al ruolo di Internet. Obiettivo ultimo: valorizzare le nostre città per promuoverle in circuiti di fruizione turistica e culturale qualitativamente elevati. Ai corsisti si chiederà di dare vita ad un progetto multimediale che possa essere una palestra di riferimento per tutti coloro che hanno a cuore la cura estetica dei centri urbani nei quali viviamo. Il progetto formativo si sviluppa su una piattaforma ampiamente collaudata, che ha messo radici nel Salento negli ultimi anni. Parliamo dell’Osservatorio Urbanistico Teknè che, nato nel 2005, rappresenta uno strumento di supporto tecnico-artistico alle pubbliche amministrazioni, per consentire di intervenire nel tessuto urbano con precisi criteri estetici e contribuire a vestire il territorio salentino di qualità e bellezza. L’Osservatorio Urbanistico TeKnè, presieduto dal prof. Giuseppe Schiavone, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali e della Comunicazione dell’Università del Salento, si sofferma sui “processi di contestualizzazione dell’arte urbana”, con l’obiettivo di accendere i riflettori sul valore estetico della dimensione urbanistica delle nostre città e monitorare il Salento come una grande lente d’ingrandimento su tutte le realtà urbane del nostro territorio. Ma Teknè è anche un evento, un vero e proprio concorso di idee e proposte, al termine del quale, nella serata conclusiva di spettacolo e intrattenimento, il Comune di Calimera assegna il Premio Teknè all’opera pubblica giudicata più interessante e confacente ai canoni di contestualizzazione urbana, attraverso l’insindacabile giudizio di una commissione tecnica appositamente costituita. Il Premio TeKnè vanta ad oggi l’adesione di 37 amministrazioni comunali che si rivolgono all’Osservatorio Urbanistico. Il Comitato Scientifico dell’Osservatorio ha già offerto al Salento incontri importantissimi con architetti, ingegneri e urbanisti di fama internazionale nell’ambito di mostre ed incontri a tema con i tecnici di settore e gli amministratori. Tra tutti ricordiamo la mostra “Steven Holl – Heinz Tesar: architettura contemporanea a confronto” che si è svolta, nella scorsa estate, a Lecce e a Calimera in due suggestive location espositive: la Chiesa di San Francesco della Scarpa e la Chiesa dell’Immacolata. E poi il seminario tenutosi a Palazzo dei Celestini dall’urbanista Heinz Tesar con gli amministratori e i tecnici del Salento, dal titolo “Osservatorio di architettura per la città e la campagna”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!