Ugo Lisi. “Far crescere il territorio”

Il componente di An favorevole alle scelte di Laforgia

Ugo Lisi, componente del coordinamento nazionale An e responsabile del Dipartimento delle Politiche Sociali Regione Puglia si esprime sui tentativi delle aziende di far crescere il territorio

Una proposta di collaborazione lungimirante che tutti abbiamo l’obbligo di recepire in tempi brevissimi. Anzi immediati. L’offerta del Magnifico Rettore dell’Università del Salento Domenico Laforgia di mettere a disposizione delle province di Lecce, Brindisi e Taranto i servizi culturali e scientifici dell’ateneo, senza oneri per i comuni, tra l’altro, è un’occasione avveduta per favorire la crescita del nostro territorio. Negli ultimi anni, amministratori della cosa pubblica, imprenditori e associazioni, grazie ad una mirata e sinergica azione di concerto sono riusciti nella difficile impresa di favorire lo sviluppo economico-imprenditoriale della nostra area geografica. Ciononostante in moltissimi settori, specialmente quelli ad appannaggio della tradizione industriale del nostro territorio (tessile-abbigliamento-calzaturiero tanto per fare un esempio) arrancano a causa di una globalizzazione non governata. È necessaria e non più procrastinabile la necessità di recuperare il terreno perso. E’ imprescindibile, in questo momento difficile, colmare il gap perduto negli anni allo scopo di dare vita a quella concorrenza con le altre regioni d’Italia, d’Europa e del mondo che non può che essere un bene per tutti e favorire quell’internazionalizzazione necessaria all’allargamento del territorio agli altri paesi dell’Unione Europea. La paralisi e il ritardo industriale che, a parte qualche eccezione, vivono le nostre imprese in questi ultimi anni preoccupa non poco tutti. La strada tracciata da Laforgia di avvalersi delle professionalità universitarie è da tenere in grandissima considerazione e da percorrere congiuntamente per restituire al nostro Salento il posto che merita. Ugo Lisi Componente del coordinamento nazionale An e responsabile del Dipartimento delle Politiche Sociali Regione Puglia

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!