Italgest Salento d’amare guarda avanti

Si attendono i prossimi incontri

Smaltita la delusione per l’inaspettata sconfitta di sabato scorso a Prato, la Italgest Salento d’amare si prepara per gli imminenti appuntamenti che riserva la stagione

Non sono più ammessi passi falsi in campionato, dove i Campioni d’Italia si sono visti dimezzare il vantaggio su Conversano e Bologna, che sabato si scontreranno nel capoluogo emiliano in una partita che dichiarerà la vera avversaria della Italgest. A suonare la carica è il capitano Alessandro Tarafino: “Nulla è perduto, anzi siamo ancora in testa alla classifica con un discreto margine sulle inseguitrici. Fino al termine della Seconda Fase ci aspettano altre sei intense finali”. Gli fa eco il pivot Alejandro Buffa: “Abbiamo analizzato gli errori commessi insieme al mister e siamo pronti a ripartire. Dobbiamo questo scudetto alla società, a questa meravigliosa terra e ai nostri tifosi, del cui apporto abbiamo molto bisogno”. Nel weekend, i rosso – azzurri saranno impegnati nello storico doppio turno degli ottavi di finale di EHF Cup contro il blasone ucraino del Portovik Youzhny. All’importante evento sia per la Italgest Salento d’amare sia per la pallamano italiana sono puntati gli occhi degli appassionati di tutta Europa. Si attende, dunque, un grande afflusso di pubblico per i match di andata e ritorno, che saranno entrambi arbitrati dalla coppia ungherese Bonifert – Olàh. Il delegato EHF è l’israeliano Hart. I ragazzi sono ritornati ad allenarsi agli ordini di coach Ivanisevic con due carichi di lavoro giornalieri. L’incontro d’andata contro gli ucraini si disputerà venerdì alle ore 20:00 presso il Pala Italgest, mentre il match di ritorno sempre a Lecce ma alle 19:00.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!