Lotta alle discariche abusive

Intervento per Gallipoli

Giuseppe Venneri, ex sindaco di Gallipoli, interviene in merito alla lotta contro le discariche abusive presenti nella città

“In questi giorni la città di Gallipoli sta realizzando un capillare lavoro di bonifica di ben sette discariche a cielo aperto presenti su tutto il territorio urbano, per eliminare una delle piaghe che maggiormente aggrediscono la tutela ambientale e territoriale della nostra comunità. Si tratta di un intervento da 50mila euro progettato dall’Amministrazione Comunale nel marzo di due anni fa e che oggi sta finalmente vedendo la luce dopo l’espletamento di tutto l’iter burocratico. Le zone interessate da questa bonifica generale sono via Messina, la zona adiacente l’ex distilleria, due lotti a Santa Vennardia, la prosecuzione di via Pasolini e la zona “Masseria Nuova”, sulla strada per Mancaversa. Soprattutto si sta procedendo a ripulire la pattumiera adiacente allo stadio comunale, dove si concentravano le vibranti e reiterate proteste di cittadini e di turisti costretti ad uno spettacolo davvero indecoroso durante il loro tragitto da e verso il mare. Questi inconvenienti sono stati risolti, cancellando uno stato di fatto intollerabile e inaccettabile per una città meravigliosa come la nostra, grazie alla sapiente opera di programmazione e di attuazione dei suoi progetti attuata assieme alla mia squadra di governo, che ha saputo soddisfare l’interesse della comunità amministrata. La politica ambientale, anche con questa lotta alle discariche abusive, ha garantito risultati generalizzati, tutti improntati alla crescita della qualità della vita della nostra città, dal Parco Naturale al depuratore al sistema fognante. Segno tangibile di come l’impegno e la dedizione per la propria città alla fine siano sempre e comunque confortati dal riscontro pratico”. Giuseppe Venneri, ex sindaco di Gallipoli

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!