Devozione alla Madonna della Candelora

Una cerimonia a Martano

Durante la cerimonia svolta a Martano in onore alla Madonna della Candelora è intervenuto Antonio Buccoliero, consigliere regionale dell’Udeur, in favore delle tradizioni

“Quella comunità che guarda con slancio ed attenzione alle proprie tradizioni più autentiche, é destinata a compiere passi importanti verso il futuro, senza perdere di vista la propria storia”. È quanto ha dichiarato Antonio Buccoliero, consigliere regionale dell’Udeur e Vicepresidente della VII Commissione, Affari Istituzionali, intervenendo, a Martano, alla cerimonia di donazione della statua della “Madonna della Candelora” alla parrocchia Maria Santissima Assunta. La scultura, realizzata dall’artista salentino Luigi Scardino, é stata consegnata al parroco Massimo De Donno, nel corso di una pubblica cerimonia, svoltasi la sera di domenica scorsa, che ha visto la presenza, tra gli altri, del consigliere Buccoliero. “Si tratta di un evento importante – ha dichiarato ancora Buccoliero – che racchiude i sentimenti più autentici di una comunità. Un plauso particolare va al giovane ed intraprendente parroco, don Massimo De Donno, e al presidente del comitato festa “Madonna della Candelora”, Luigi Donno, che hanno saputo riunire un’intera comunità attorno ai sentimenti di devozione verso la Madre di tutti i cristiani, non tralasciando, al contempo, il sentimento di appartenenza e di amore verso la propria comunità. La cerimonia di domenica– ha concluso Buccoliero – é destinata a restare tra gli eventi storici della comunità di Martano, segnando un punto importante a favore di una comunità che guarda al domani senza tralasciare i valori più autentici che, oggi come ieri, devono poter ispirare il cammino di ognuno di noi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!