L’inchiesta giudiziaria sui coniugi Mastella e altri

Un articolo del Corriere della sera

Un nostro lettore, Rocco Boccadamo, riflette sulla questione che ha interessato i coniugi Mastella

Il Corriere della Sera del 17/1/2008, in seno ad un articolo a firma Marco Imarisio, ha pubblicato il seguente stralcio della conversazione telefonica intercorsa il 6.3.2007 tra la signora Sandra Lonardo in Mastella ed il consuocero Camilleri, con riferimento a Luigi Annunziata, direttore dell’Azienda Ospedaliera S. Sebastiano di Caserta, nominato in quota UDEUR, ma reo di non aver fatto a sua volta le nomine che gli venivano richieste. “Per quanto mi riguarda – dice la signora Lonardo – quello è un uomo morto! E lo è anche per mio marito. Quindi, per cortesia, tenetevene alla larga. Tutto qua. Dal punto di vista professionale, tu incontri chi vuoi. Ma da quello politico, le cose passano attraverso noi”. Secondo il gip, segnala il Corriere, la apparizione telefonica della signora Mastella costituisce un tassello fondamentale della vicenda giudiziaria clamorosamente scoppiata in questi giorni. Per la verità, trattasi di particolari forniti da un quotidiano serio e importante, oltre che con la maggiore diffusione nel Paese che suscitano perplessità e qualche interrogativo anche nella vastissima platea dei comuni lettori e cittadini. Ciò detto, presupponendo che le intercettazioni effettuate dagli inquirenti siano regolari e legittime e lasciando, in ogni caso, ai competenti organismi l’approfondimento della faccenda e le pronunce finali di merito, non sarebbe opportuno e dimostrativo di sensibilità che la moglie dell’ex Ministro intervenisse, intanto, attraverso il medesimo giornale con chiarimenti, precisazioni o eventuali smentite circa il tenore della telefonata in discorso? Rocco Boccadamo

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!