L’estate è piena zeppa

Se bella vuoi apparire

Fashion anticipazione: la zeppa ritorna nella moda estiva. Teniamo sott’occhio le riviste di moda. E intanto facciamo pratica di portamento. Addio metro e sessanta…

Forse per chi è alta dal metro e settanta in su significherà poco ma per me (che non faccio parte del succitato gruppo) è una grande soddisfazione. E basta un’occhiata veloce ad una qualsivoglia rivista di moda per rendersi conto di ciò che mi riempie di gioia. Gli occhi brillano e il cuore batte emozionato. Ritorna la zeppa. Alta, robusta, in ogni materiale, in ogni colore, in ogni originale fantasia. Non c’è che dire. Che siano quelle da capogiro degli anni Settanta o quelle via via più modeste degli anni a seguire, non fa differenza. La zeppa è la zeppa. I giornali lungimiranti e qualche servizio di rotocalco televisivo ha anticipato ciò che attendevo ormai da troppo tempo (praticamente da quando ero troppo giovane per potermela permettere): in estate la zeppa ritornerà di prepotenza nelle scarpiere delle donne. E ciò che è ancora più bello è che stavolta non ci saranno limiti: saranno coloratissime e decoratissime, arricchite da fiori, di merletti, strass, paillettes brillanti. Non ci resta che attendere. E, intanto, guardare vetrine e tenere sott’occhio i giornali. E, se ritenete che sia il caso, fare pratica di portamento. Portarle non è semplicissimo. Ma, se bella vuoi apparire…

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!