Carnevale casaranese. Solo una festa

Delusione per i maestri cartapestai

Sarà solo una festa in piazza, ma la città non rinuncerà al Carnevale. Il comune di Casarano ha avviato i contatti con associazioni, parrocchie, scuole e appassionati per organizzare una manifestazione da tenersi probabilmente martedì 5 febbraio

L’esecutivo, tra l’altro, sta cercando di ricomporre anche il rapporto con i soci della Pro Loco, o parte di essi, il cui aiuto è sempre prezioso in queste occasioni. Intanto, però, protestano i maestri cartapestai della città che, dopo aver lavorato un anno sui carri allegorici, saranno costretti ad “emigrare” in altri comuni. Sarà una festa in maschera all’aperto, ma non sarà la solita sfilata di carri allegorici e gruppi mascherati. Questi sono gli unici elementi certi circa il Carnevale 2008 casaranese. Non è stato ancora definito il luogo dell’evento: potrebbe essere piazza San Domenico, più indicata anche dal punto di vista della viabilità cittadina, ma non sono escluse altre soluzioni. I particolari del programma della manifestazione si definiranno nei prossimi giorni. Palazzo dei Domenicani, nonostante le polemiche degli ultimi giorni (che hanno causato l’anamento della tradizionale manifestazione), spera anche nella collaborazione della Pro Loco, anche se l’associazione non comparirà ufficialmente tra gli organizzatori. A margine della vicenda, da segnalare la delusione degli artigiani casaranesi, un gruppo di appassionati della cartapesta che, anche quest’anno, avevano costruito due carri allegorici giusto per il Carnevale della loro città. “Ringraziamo la Pro Loco e l’amministrazione comunale per il benservito”, hanno commentato in modo ironico. Invece, i due carri andranno ad ingrossare il programma delle manifestazioni di Supersano e di Aradeo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!