Un presepe nel frantoio

Via alle visite

Partono a Casarano le visite al presepe vivente nel centro storico della città, da quest'anno accompagnato da un presepe artigianale realizzato all'interno del frantoio ipogeo di via Pendino

E’ già tempo di visitare i presepi. Il centro antico della città di Casarano, negli ultimi anni, è stato il palcoscenico preferito dagli appassionati per allestire le grandi e visitabili rappresentazioni della Natività di Gesù Bambino. Tra le iniziative collaterali del presepio vivente nel centro storico, da segnalare il grande presepe artistico allestito da tre artigiani locali in uno splendido frantoio ipogeo. Si tratta della creazione di Luigi Nuzzo, Paolo Cirfiera e Cosimo De Cesario con personaggi in cartapesta, dalle dimensioni naturali, e animati meccanicamente. Quest’anno, tra l’altro, sono stati aggiunti altri personaggi e sono state meccanizzate altri elementi come il bue e l’asinello. Il presepe dei tre artigiani, che si dilettano da diversi anni in questa passione, è stato allestito nel tappeto ipogeo di via Pendino 22 (la strada dei frantoi) ed è stato inaugurato domenica scorsa. Si potrà visitare tutti i giorni festivi (prossima apertura, quindi, domani) fino al 6 gennaio, dalle ore 17 alle ore 21. L’iniziativa è stata possibile grazie al patrocinio dell’Assessorato alla Cultura e grazie alla famiglia De Filippo proprietaria dell’immobile (info 333-1470088).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!