Buccoliero per le famiglie delle vittime sul lavoro

Un pensiero dal consigliere Udeur

Antonio Buccoliero, consigliere regionale dell’Udeur e Vicepresidente della VII Commissione Affari Istituzionali, esprime un pensiero per tutte le famiglie delle vittime sul lavoro

“In questo periodo di festività natalizie, é quanto mai necessario rivolgere un pensiero di vicinanza alle famiglie delle vittime sul lavoro. Giornate come il Santo Natale, infatti, non fanno che acuire il dolore per la perdita di una persona cara; un dolore che diventa angoscia quando si perde la vita nell’espletamento del proprio lavoro”. È quanto dichiara Antonio Buccoliero, consigliere regionale dell’Udeur e Vicepresidente della VII Commissione, Affari Istituzionali. “Questo fine di anno – prosegue Buccoliero – é stato particolarmente drammatico: dalla strage di Torino, dove tra gli operai morti vi era anche un salentino, alla scomparsa di Giorgio Fiorentino, operaio di Scorrano, deceduto mentre montava le luminarie ad Alliste per la Festa di San Quintino, fino alla drammatica morte di Luca Muscella, giovane dipendente della Filanto, marito e padre di due bimbi in tenera età. Dietro i numeri e le statistiche, ci sono uomini e donne, famiglie che attendono invano il ritorno del proprio caro. Anche se il recente rapporto Inail ha registrato un calo, nel 2006, delle cosiddette “morti bianche”, il livello di guardia deve continuare a mantenersi ai massimi livelli, perché si mettano in campo tutti i possibili rimedi per evitare un fenomeno, che, altrimenti, rischierebbe di assumere contorni ben più drammatici. Alle famiglie delle vittime sul lavoro va la nostra completa solidarietà – conclude Buccoliero – ma deve andare anche il nostro concreto impegno, perché il dolore di queste persone rappresenti quello sprone doloroso, ma necessario affinché altre famiglie, altre mogli e madri, figli e fratelli, non debbano più aspettare invano il ritorno dal lavoro del loro congiunto”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!