Torna la Democrazia Cristiana

Il partito presente al comune di Ugento

La diaspora politica avviata nel 1994 con la proliferazione di partiti e movimenti che hanno voluto surrogare la Democrazia Cristiana è finalmente terminata. Oggi il partito torna ad essere presente al comune di Ugento

La Democrazia Cristiana del segretario nazionale Giuseppe Pizza, l’unica legittimata (con sentenza esecutiva del 2006, pronunciata dal Tribunale di Roma, confermata da un’ordinanza della Corte d’Appello della capitale dell’agosto 2007) ad utilizzare il nome ed il simbolo dello scudo crociato ritorna anche nel Consiglio Comunale di Ugento. Infatti, nel corso della seduta del 30 novembre 2007, Nico Giannuzzi, vicepresidente del Consiglio Comunale ha dichiarato la propria adesione alla DC ed ha comunicato di essere stato nominato commissario cittadino da Enzo Benvenga, segretario provinciale del partito, con il compito di procedere alla ricostituzione degli organismi politici direttivi previsti dallo statuto e alla convocazione del Congresso Comunale. “Oggi la Democrazia Cristiana – chiarisce Giannuzzi – riparte in Ugento forte dei valori di sempre coniugati con una rinnovata realtà sociale, ma nella continuità dei suoi principi fondatori, quali la famiglia, il lavoro e la solidarietà sociale. Il tutto nel solco degli insegnamenti di Don Sturzo, De Gasperi e Moro, che vedevano la politica come servizio in funzione del bene comune”. “Lavoreremo in sintonia – conclude Giannuzzi – con il segretario nazionale e gli organi del partito, ad ogni livello, per avviare un processo di ritorno a casa di tutti coloro che in questi anni di confusione politica hanno cercato altre direzioni mantenendo, tuttavia, culture e valori della tradizione del cattolicesimo liberale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!