Si sveglia e chiede l'I-Pod

La madre decisa a scoprire le cause del gesto estremo

“Portatemi l'I-Pod”. E' stata questa la sua prima richiesta, appena aperti gli occhi in quel reparto di Rianimazione del “Fazzi” di Lecce. Il peggio è passato per la 14enne di Muro Leccese che nei giorni scorsi ha tentato di torliersi la vita

Sì è svegliata ed ha chiesto che le venisse portato l’I-Pod la 14 enne di Muro Leccese ricoverata presso il reparto di Rianimazione del “Vito Fazzi” di Lecce, dopo aver tentato di togliersi la vita a colpi (sei) di pistola. A scatenare la violenta reazione della giovane su stessa pare sia stata una delusione d’amore, alla quale, come spesso gli adolescenti fanno, avrebbe dato troppa importanza. Con convinzione e lucidità la ragazza avrebbe cercato nella cassaforte di casa la pistola del padre e poi, rifugiatasi nella sua stanza, avrebbe esploso sei colpi. Nessuno dei quali mortale, fortunatamente. La prontezza dell’intervento delle nonne, in casa con lei in quel momento, e del personale del 118 ha permesso di scongiurare il peggio. Ad ogni modo, la giovane ieri ha ripreso conoscenza ed ha chiesto alle infermiere di poter ascoltare la musica. La madre ha dichiarato tra le lacrime di volersi buttare il dolore alle spalle e di voler capire le motivazioni reali di quel gesto disperato.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!