Casarano. La Pro Loco protesta. Vacilla il Carnevale

An vicina ai componenti dell'associazione

“Dall'amministrazione comunale ci si aspetta più collaborazione”. E' questo il punto di vista della Pro Loco di Casarano che, dopo aver cancellato due manifestazioni, minaccia di non occuparsi dell'organizzazione del “Carnevale della Fantasia”. An appoggia le motivazioni della protesta

L’annuncio della Pro Loco di rinunciare ad organizzare il Carnevale 2008, per la scarsa collaborazione dell’amministrazione comunale, non poteva passare inosservato. I responsabili politici del circolo cittadino di Alleanza Nazionale “Valori e Identità” si definiscono “sconcertati” per l’insensibilità dimostrata dall’esecutivo comunale ed affidano ad un comunicato stampa la loro posizione sulla vicenda. “Siamo sconcertati di fronte all’arroganza di un sindaco che nonostante cinque richieste ufficiali si rifiuta di dialogare con i responsabili dell’associazione – si legge nella nota – ci viene da pensare che lo scarso impegno derivi dal fatto che, forse, dagli appuntamenti organizzati dalla Pro Loco, i nostri amministratori non ricavino nessun tornaconto personale. La sinergia tra Pro Loco e Amministrazione Comunale – prosegue la nota – porta in cittadine limitrofe grandi risultati, frutto anche di amministrazioni attente, pronte al dialogo e che vogliono promuovere davvero il proprio territorio. Siamo al fianco della Pro Loco, alla quale giunga la nostra piena e sincera solidarietà insieme al ringraziamento per tutti i servizi offerti alla città in questi anni”. Se sull’organizzazione dell’edizione 2008 del “Carnevale della Fantasia” rimangono, seppur flebili, speranze, la Pro Loco aveva in precedenza già anato altre due manifestazioni: “La sagra del noce” e il “Mercatino di Natale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!