Galatina. 500 anni per la chiesa di San Biagio

La città festeggia

La chiesa di San Biagio a Galatina compie 500 anni dalla prima costruzione. Ecco come si festeggia in città

Ricorre quest'anno il cinquecentesimo anniversario dell'inizio della costruzione della chiesa di San Biagio a Galatina. “I 500 anni della nostra chiesa – afferma il parroco Pietro Mele – richiamano alla memoria un tratto non breve della storia cittadina che ha conosciuto eventi e pagine gloriose documentate dai suoi monumenti. Ma dietro le pietre ci sono sempre persone, con le loro ricchezze e limiti, con la fede, il lavoro, la vita delle famiglie e della comunità. Vogliamo non solo fare ‘memoria’ e rendere grazie per tutto ciò, ma soprattutto essere noi pietre vive che in continuità con il nostro passato, sentono l’urgenza di portare a compimento, il tempio del Signore attraverso la lode, ma soprattutto attraverso la testimonianza dell’amore che ci fa essere ‘chiesa casa di comunione’”. Per festeggiare questa occasione sono previste in città alcune iniziative: MARTEDÌ 4 DICEMBRE ORE 18,00 – SALA POLLIO I 500 anni del complesso monumentale di san Biagio e la presenza degli Olivetani a Galatina e nel Salento. Prof. Don Donato Giordano – Priore Monastero Olivetano di PICCIANO (Mt) – Docente della Facoltà teologica Pugliese Il contesto storico della presenza degli Olivetani: Galatina tra il 500 e l’800 Prof. Giancarlo Vallone – Ordinario di Storia delle Dottrine Politiche – Università di Lecce Presentazione della Pubblicazione “ Chiesa S. Biagio già S. Caterina Novella- Piccola Guida” Don Salvatore Bello SABATO 8 DICEMBRE ORE 10,00 – CHIESA SAN BIAGIO Solenne concelebrazione presieduta da S.E. Rev.ma Dom MICHELANGELO RICCARDO TIRIBILLI– Abate Generale della Congregazione Benedettina – S. Maria di Monte Oliveto (SI) DOMENICA 9 DICEMBRE ORE 17,00 – CHIESA SAN BIAGIO Solenne celebrazione presieduta da S.E.Rev.ma Mons. DONATO NEGRO – Arcivescovo di Otranto

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!