Nardò. Concorso di idee per Natale

Via con la fantasia

Saranno quattro i progetti premiati per il concorso di idee per il Natale lanciato nello scorso mese di ottobre dall’Amministrazione comunale di Nardò. A disposizione degli organizzatori saranno stanziati 2.000 euro per ciascuna idea premiata

I progetti sono stati presentati da Gino Prete, assessore alle Attività produttive, nel corso di una conferenza stampa a cui ha preso parte anche Antonio Tiene, vicepresidente del Consiglio comunale. La prima proposta, avanzata da Andrea Sciacca, Virginia Barone, Elvira De Giorni e Giuseppina Sciacca, prevede la realizzazione di un “video-auguri” con raccolta di video personalizzati da parte dei cittadini e l’individuazione di uno spazio all’aperto da destinare a luogo di aggregazione per la durata del periodo natalizio, in cui saranno organizzati mini eventi. La seconda proposta, avanzata dal gruppo Agesci, prevede la realizzazione di un presepe da donare alla città e una sagra di pittule e dolci natalizi. “Ti racconto il natale”, invece, è il progetto presentato dalla Parrocchia S. Gerardo Maiella. Prevede una manifestazione con una tombolata in costume, proiezione di giochi e luci, stand gastronomici con pietanze tipiche natalizie. L’ultimo progetto premiato, “Anima mia… il mondo dei giochi e dei sogni dei bambini attraverso la pubblicità” prevede la proiezione delle più famose sigle televisive e delle pubblicità di genere cartoon o di animazione degli anni ’60 e ’70. “Siamo sicuri – ha dichiarato l’assessore Gino Prete – che questo nuovo modo di concepire l’organizzazione delle manifestazioni natalizie porterà alla città quel valore aggiunto che finora è mancato. La partecipazione di associazioni, gruppi e quant’altro contribuirà a far sentire il natale più partecipato. Sui quindici progetti presentati ne abbiamo dovuti scegliere solo quattro anche se, compatibilmente con le risorse finanziarie, cercheremo di aiutare anche altri progetti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!