Ugo Lisi si esprime sul problema trasporti

L'esponente di An chiede chiarezza

Si continua a parlare di trasporti i Puglia. Ugo Lisi, componente del coordinamento nazionale del Gruppo An, nonchè responsabile del Dipartimento delle Politiche Sociali presso la Regione Puglia, sollecita interventi concreti

di Ugo Lisi* Sulla questione dei trasporti non si può fare il gioco delle tre carte. In tempi non sospetti, circa un mese e mezzo fa, e precisamente in data 10 ottobre, il sottoscritto insieme a Luigi Pepe di Foggia ha effettuato un’interrogazione al Sottosegretario ai Trasporti Raffaele Gentile per chiedere che intenzione avesse in merito allo stato di abbandono non soltanto dei trasporti pugliesi in generale, ma di quelli salentini in particolare. Scrivevamo nell’interrogazione che era necessario che da un lato il Governo facesse pressione su Trenitalia e dall’altro stanziasse una cifra tra i 120 e 130 milioni di euro per i prossimi anni al fine di potenziare il trasporto nella nostra regione e soprattutto nel Salento. Dinanzi a tali e circostanziate richieste (ripeto, in tempi non sospetti, visto che si trattava del 10 ottobre scorso) il Sottosegretario ai Trasporti del Governo Prodi, Raffaele Gentile ha risposto con argomentazioni vuote e tecnicistiche che gli sono valse la risposta risentita, a nome di tutto il popolo pugliese e salentino, del Capogruppo di Alleanza Nazionale in Commissione Trasporti, Vincenzo Nespoli. È adesso giunto il momento di passare dalle parole ai fatti ed il Governo deve spiegare in tempi rapidissimi come intende affrontare e risolvere questa situazione gravissima poiché il Salento non può restare tagliato fuori dal mondo degli scambi di persone e di merci per l’incapacità di Prodi e company di adempiere al loro ruolo. *Componente Coordinamento Nazionale Gruppo A.N.; Responsabile del Dipartimento delle Politiche Sociali(A.N.)– Regione Puglia

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!