Riso da premio

Un workshop sulle modalità di e-government

Dopo il programma di certificazione personale dell’Urp e il programma di formazione per il personale del Suap, quest’anno il premio Basile dell’Eccellenza è andato al progetto di e-government Riso (Rete ionico-salentina per l’occupazione)

I progetti di innovazione tecnologica negli enti locali ad opera dei programmi di e-government hanno sollecitato cambiamenti organizzativi, sia a livello di singolo ente che di ampi territori. Essi hanno coinvolto amministratori, dirigenti e funzionari degli enti locali, ma anche le persone degli altri enti della pubblica amministrazione che, assieme ad essi, sono responsabili dell’erogazione dei servizi ai cittadini, secondo le nuove modalità consentite dall’uso di internet. I cambiamenti organizzativi sono però consentiti dall’acquisizione di una nuova cultura da parte sia di chi eroga i servizi sia di chi ne fruisce. Il cambiamento culturale procede assieme a quello organizzativo e tecnologico sempreché si usino metodologie di apprendimento efficaci. Sul territorio ionico-salentino è stata largamente utilizzata la metodologia della Formazione-Intervento per attivare servizi specifici e per sostenere programmi di e-government. Tre progetti realizzati con questa metodologia sono stati apprezzati a livello nazionale dall’Aif (l’associazione dei formatori italiani) che ha riconosciuto loro il premio Basile dell’Eccellenza. Nel 2005 il premio è andato al programma di certificazione del personale dell’Urp; nel 2006 al programma di formazione per il personale del Suap; quest’anno al progetto di e-government Riso (Rete ionico-salentina per l’occupazione, www.riso.puglia.it). Il 15 dicembre si svolgerà un workshop che sarà l’occasione di riflessione comune sulle caratteristiche di questa metodologia, sui motivi dei riconoscimenti che ha ottenuto, sulle prospettive del suo uso nei diversi ambiti dove c’è ragione di operare un cambiamento. L’appuntamento è dunque presso la sala Conferenze di Palazzo Adorno a Lecce, dalle ore 10 alle ore 13. Interverranno personalità del mondo accademico, delle istituzioni e delle associazioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!