A Nardò manifestano gli artigiani

Ripristinare il fondo Artigiancassa

Gli artigiani chiedono alla regione di ripristinare la percentuale a “fondo perduto” dei contributi Artigiancassa. La raccolta di firme e la manifestazione che si terrà domenica a Nardò sono promosse da Confartigianato, Cna, Casartigiani e Claai

Le organizzazioni salentine di categoria del settore artigiano Confartigianato, Cna, Casartigiani e Claai, che rappresentano 19.400 imprese artigiane della provincia di Lecce, promuovono una mobilitazione generale per domenica 25 novembre 2007 a Nardò in piazza Mazzini alle ore 10.30. L’obiettivo è chiedere alla Regione Puglia il tempestivo ripristino del contributo a fondo perduto del 15% di Artigiancassa. “L’unico incentivo finanziario alla categoria è rappresentato dal contributo a fondo perduto del 15% di Artigiancassa”, scrivono le organizzazioni, “e tale incentivo, nel corso del tempo, ha consentito alle imprese artigiane di poter programmare investimenti e realizzare programmi di sviluppo, tant’è che la realtà artigianale, in Puglia, è l’unico settore produttivo in aumento per numero di addetti e di imprese. Non solo: l’utilizzo di tale forma di finanziamento non ha mai dato luogo a distorsioni e destinazioni improprie”. Per questi motivi le associazioni hanno promosso la manifestazione, nel corso della quale verranno raccolte le firme di imprenditori artigiani che sottoscrivono la richiesta. Tutte le istanze raccolte saranno poi inviate al Presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, al quale le Associazioni scriventi hanno già inoltrato la richiesta di ripristino delle risorse necessarie.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!