Sopravvivere o morire? Buona resurrezione a tutti

di Barbara Toma

 

Bisogna toccare il fondo per poter risalire.

Si, certo.

Oppure si resta sul fondo e ci si adatta.

Siamo animali capaci di adattarsi a tutto. Io, per esempio, solo un anno fa pensavo fosse impossibile riuscire a sopravvivere nella mia situazione. Avevo toccato il fondo. Eppure eccomi qui!

Non e’ poi così male alla fine. Certo, ammalarsi quando non hai nessuno che abbia più di 7anni in casa che si possa prendere cura di te, non è bello, ma ti rende incredibilmente immune alle malattie. Certo, dormire ad intervalli non più lunghi di tre ore per più di un anno e mezzo ti cambia radicalmente: si passa dalla nevrosi acuta a impensabili picchi di disperazione, e’ vero, ma dopo essersi arresi e rassegnati, arriva il premio per essere riusciti a sopravvivere! Si raggiunge uno stato di beatitudine simile agli effetti della Cannabis. Si sorride facilmente a tutto. La faccia con le occhiaie nello specchio al mattino ci sembra simpatica e anche molto carina. Si prova più empatia verso se stessi e tutte le altre vittime di tortura nel Mondo. Tutto diventa relativo e si torna a riconoscere le cose davvero importanti nella Vita, per esempio; un buon materasso. Ma, sopratutto, si impara a sfruttare il tempo delle veglie notturne per riflettere e , alla fine, si prova infinita gratitudine per quel miracolo che e’ l’alba.

 

Si sorride alla vita quando si sopravvive alla tortura. Penso sia proprio per questo che noi Italiani riusciamo sempre ad essere così pieni di vita e capaci di dare la giusta importanza a cose semplici come una buona parmigiana.

E anch’io, nel mio piccolo, sopravvivo a tutto e amo sempre più la vita e le sue contraddizioni. Eppure, nonostante tutto questo, ascoltare i ‘nostri’ politici parlare in tv dei progetti che hanno in mente per questo nostro moribondo Paese mi ha gettato nello sconforto.

 

Se tocchi il fondo potresti restare giù e adattarti.

Bisogna morire per rinascere!

Per cui, mia adorata Italia, dal profondo del cuore, io ti auguro di finirla con questa lunga agonia e di morire, una volta per tutte.

 

Buona resurrezione a tutti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

3 Commenti

  1. Avatar
    Carlo

    A volte il problema è che il fondo non esiste!!!!!!!!!………Ma sono pienamente d’accordo con te!!!!!……

    Reply
  2. Avatar
    Elen

    Si raggiunge uno stato di beatitudine simile agli effetti della Cannabis. ……Per cui, mia adorata Italia, dal profondo del cuore, io ti auguro di finirla con questa lunga agonia e di morire, una volta per tutte……Bisogna morire per rinascere!condivido ciò che dici!! ….complimenti per il tuo lavoro e per la donna che sei!!

    Reply

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Barbara Toma

Agitatrice, Animale da palco, Coreografa, drammaturga e mamma single salentina-olandese. In equilibrio precario, sul filo della vita, con due figlie e una sola vocazione: la danza. Non per forza sincera, ma dannatamente vera. Fuori luogo ovunque, tranne sul palco, l’unico posto dove il suo modo di agire non è controproducente.

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!