Muoiono a Ravenna mamma e figlio di Monteroni

Impatto frontale tra Ravenna e Forlì. Alcol in auto e, forse, assunzione di droga

La primogenita della donna, Nicole, cinque anni, sembra ormai fuori pericolo. I medici l’hanno svegliata dal coma farmacologico. Apprenderà presto della scomparsa della madre e del fratellino minore nel violento incidente che li ha visti coinvolti sabato mattina

Il violento incidente accaduto tra Ravenna e Forlì, sabato mattina, ha coinvolto una donna di Monteroni e i suoi due figli. Giusi Caione, 33 anni, e il piccolo Alessandro, che avrebbe compiuto quattro anni a gennaio, hanno perso la vita tra le lamiere. Per Nicole, primogenita della donna, il destino ha voluto diversamente. La Tac effettuata presso l’ospedale di Cesena, subito dopo l’impatto, lasciava ben sperare. E ieri mattina, la piccola è stata sottoposta ad intervento chirurgico perfettamente riuscito, che le ha ricomposto la frattura del femore. I medici hanno stabilito così di risvegliarla dal coma farmacologico. Intanto, circa la dinamica dell’incidente, sembra sempre più probabile che il 19enne Federico Braghi, anche lui morto nell’incidente, che guidava la Volkswagen Polo contro la quale si è scontrata la Fiat Brava di Caione, abbia invaso la corsia opposta alla sua mentre sopraggiungeva l’auto della donna. E forse per una distrazione, forse per l’inesperienza alla guida, abbia perso il controllo della vettura. Ma c’è dell’altro materiale su cui gli inquirenti dovranno fare chiarezza: la bottiglia di grappa alla pera rinvenuta nella macchina del giovane e l’ampolla di vetro, presumibilmente usata per l’assunzione orale di sostanze stupefacenti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!