Casarano. Dichiariamo gli immobili

I nuovi dati dall'Agenzia del Territorio

Sono ben 1430 le particelle del Catasto relative a terreni del Comune di Casarano su cui è edificato un fabbricato non dichiarato. L’Agenzia del Territorio di Lecce ha pubblicato l'elenco per consentire l’operazione di aggiornamento della base dati

Tutti i possessori immobili dovranno denunciare, entro 90 giorni, l’esistenza dell’edificio. Le modalità per la denuncia degli immobili sono state comunicate l’altro ieri, con una nota, dal Responsabile del settore Urbanistica. L’elenco delle particelle – con i relativi identificativi catastali (Provincia, Comune, Sezione, Foglio e particella) – interessate da fabbricati che non risultano dichiarati al catasto, con l’eventuale data cui riferire la mancata presentazione, sono già consultabili. Si trova presso l’Ufficio Assetto del Territorio-Urbanistica-Edilizia-Trasporti del Comune, sul sito internet www.comune.casarano.le.it, sul sito internet dell’Agenzia del Territorio, nonché presso la sede dell’Ufficio Provinciale, in Viale Gallipoli n. 37 (dal lunedì al venerdì, dalle ore 8.30 alle ore 12.30). Sul sito internet del Comune il collegamento si trova sulla home page, nell’area “Servizi al cittadino”, cliccando su “Elenco particelle catasto”. Il suddetto elenco sarà disponibile per un periodo di 60 giorni consecutivi e così fino al 24 dicembre 2007 incluso. Tali fabbricati devono essere dichiarati al Catasto Edilizio Urbano, a cura dei soggetti obbligati, entro 90 giorni dal 26 ottobre 2007. Nel caso in cui gli interessati non avranno presentato le suddette dichiarazioni entro tale termine, gli Uffici provinciali dell’Agenzia del Territorio provvederanno, in surroga del soggetto obbligato inadempiente e con oneri a carico dello stesso, all’iscrizione in catasto, attraverso la predisposizione delle dichiarazioni redatte ai sensi del regolamento di cui al decreto del Ministro delle Finanze 19 aprile 1994, n. 701, e alla notifica dei relativi esiti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!