Caporais. Musica live on stage. Terza puntata

Prende piede la manifestazione

Sarà di nuovo musica live, stasera, al Caporais di Gallipoli. Torna il concorso canoro “on stage”. I gruppi musicali rivelazione, vincitori delle prime due serate della manifestazione, sono stati i Cosmica e gli H.N.F. Oggi si cercano nuovi talenti

Continua il concorso musicale che si svolge ogni venerdì alle ore 23.00 presso il Caporais sul lungomare Marconi di Gallipoli. Ogni sera cinque gruppi di genere rock, hard rock, pop, elettronica, hip-hop, blues e funky, che non hanno alle spalle l'incisione di un album, si sfidano facendo emergere la propria identità innovativa e le loro radici ben piantate nel territorio salentino. Durante la prima serata del concorso, che si è svolta il 26 ottobre, si sono impegnati nella competizione, in versione totalmente live, per 15 minuti e di fronte ad una esperta giuria di critici musicali e giornalisti i gruppi dei Caotica, T-time, Undead, O-side e i Cosmica. Questi ultimi si sono rivelati i vincitori della serata per l’energia trasmessa e il coinvolgimento sul pubblico, oltre che per le qualità musicali. Per gli esclusi non è detta l'ultima parola: a loro resta la possibilità di essere ripescati tra tutti gli esclusi e chiamati a sfidarsi durante la serata finale del 28 dicembre. Nella seconda puntata della rassegna, quella di venerdì 2 novembre, il pubblico ha potuto ascoltare, ed i giurati di qualità hanno potuto giudicare, sonorità diversissime tra loro. Sulk palco si sono susseguiti cinque gruppi per cinque generi differenti di musica. Dal rock puro, che ha ricordato Vasco e il miglior Ligabue dei Malgarbo, alla sperimentazione (forse ancora un po’acerba) degli O-side; all’innovazione di respiro internazionale dei H.N.F, che poi si sono rivelati i vincitori per affiatamento tra i membri ed identità; alle doti vocali degli Slow Death che hanno proposto un hard rock davvero ben fatto, all’originalità mista ad una certa dose di follia dei Cucuwawa (nome simpatico già a sentirlo come i componenti della band). Il concorso ospitato al Caporais si conferma una di quelle perle rare che è bene coltivare, se nel Salento, e un po’ dappertutto, la scena musicale live sta andando via via scomparendo. Il clima è quello giusto. Il pubblico dimostra di gradire molto. Tutti gli ingredienti sembrano esserci. Resta solo da vedere, pardòn da ascoltare, quali saranno i cinque nomi di questa sera. Prepariamo le orecchie. Si parte.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!