Galatone. Brucia la sede di Rifondazione

Il portone divelto e un rogo che ha fatto esplodere il televisore. E’ accaduto nella notte tra martedì e mercoledì

Danni ingenti alla sede di Rifondazione comunista di Galatone. Carlo Schiavone, segretario del partito, è certo che si tratti di un atto legato alla politica

Hanno prima scardinato il portone in ferro con un attrezzo e poi, una volta dentro, hanno ammucchiato materiale cartaceo facendone un rogo. E’ successo a Galatone, dove alcuni malviventi, ancora ignoti, nella notte tra martedì e mercoledì, si sono introdotti nella sede del partito di Rifondazione comunista ed hanno appiccato il fuoco. Oggi le pareti della stanza risultano completamente annerite e la televisione è ridotta in frantumi. Secondo le ricostruzioni di Vigili del fuoco e carabinieri, allertati da alcuni passanti che si trovavano sul posto appena dopo l’accaduto, le fiamme del rogo avrebbero intaccato il televisore facendolo esplodere. “I danni all’intera struttura sono ingenti – ha spiegato Carlo Schiavone, segretario di Rifondazione – e certamente la sede inutilizzabile. Per fortuna, l’edificio è antico con volte a botte e, dunque, non ha subito danni statici. Sono certo che si tratti di un atto legato alla politica – ha continuato – anche perché accade sempre, in campagna elettorale. Forse a qualcuno – ha concluso – ha dato fastidio che il mio partito ha avviato un dialogo con altre forze del centrosinistra”. Ad ogni modo non dovrebbe essere difficile risalire agli autori dell’atto vandalico, dal momento che la piazza in cui è avvenuto (piazza Costadura, accanto al Palazzo Comunale) è sorvegliata da telecamera a circuito chiuso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!