Biblioteca Bernardini. Libri antichi, metodi moderni

Parte il servizio di prestito on line

Da oggi, anche alla biblioteca provinciale Bernardini di Lecce è possibile richiedere libri in prestito via web. L'attivazione del servizio rappresenta un importante passo in avanti per l'allargamento dell'utenza

Via al prestito librario on-line: la biblioteca provinciale “Bernardini” di Lecce avvia il nuovo servizio che rappresenta una marcia in più per un’utenza che è sempre più numerosa. L’informatizzazione del prestito librario è una grande opportunità poiché le richieste e le informazioni potranno essere gestite anche da casa. Al servizio si accede attraverso il sito istituzionale www.provincia.le.it, cliccando, poi, sul “banner” relativo alla biblioteca provinciale. La procedura prevede la registrazione degli utenti della biblioteca, che potrà essere effettuata anche on-line. L’utente “registrato” potrà, poi, effettuare le richieste di prestito dei volumi anche dalla propria abitazione, recandosi in biblioteca nei tre giorni successivi alla richiesta. L’informatizzazione dei prestiti librari consentirà di tracciare una vera e propria “storia” delle richieste, dei gusti, delle esigenze degli utenti, che, a loro volta, attraverso il computer, potranno più facilmente mettersi in contatto con la storica istituzione culturale salentina. La biblioteca provinciale “Bernardini” si trova al secondo piano del Palazzo Argento (sede del Museo provinciale), in viale Gallipoli 28 a Lecce (tel. 0832 683524, fax 0832 683514, e-mail: [email protected]). E’ aperta dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13.30 ed anche il martedì e giovedì pomeriggio, dalle 15 alle 18.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!