Veronica. Domani i funerali

Guasto tecnico o errore umano?

I funerali della giovane militare, Veronica Ingrosso, di Lizzanello, si terranno domani, giorno del suo 20esimo compleanno. Gli inquirenti intanto stanno cercando di scoprire se l'incidente sia stato causato da un errore umano o da un guasto tecnico

Quella accaduta a Veronica Ingrosso, appena 20 anni, di Lizzanello, è una tragedia che ha dell’assurdo. Il suo paracadute non si è aperto, mentre lei era già in volo da 600 metri di altezza. Un incidente raro, tanto più che i paracadute di tipo militare (come quello utilizzato da Veronica) hanno un dispositivo che consente di aprirsi automaticamente poco dopo il lancio. Trascorsi cinque secondi, la persona che effettua il volo deve dare uno sguardo in alto per controllare se il telone s’è spalancato regolarmente, altrimenti deve azionare la leva d’emergenza. Veronica l’ha fatto? L’autopsia eseguita nel primo pomeriggio di ieri ha escluso altre cause, se non quella dello schianto fatale al suolo. E mentre risulta indagato dalla Procura per omicidio colposo l'istruttore addetto al ripiegamento del paracadute, il sostituto procuratore ha disposto una perizia sul paracadute per comprendere se la vicenda sia da ascrivere o meno ad un errore umano. Intanto, i genitori ed il fratello 18enne di Veronica hanno raggiunto Latina per il riconoscimento della salma ed il suo rientro a Lizzanello. La camera ardente sarà allestita presso il cinema vecchio di Lizzanello. I funerali si terranno domani, il giorno del 20esimo compleanno della giovane.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!