Casarano. Troppi cantieri aperti

Palazzo dei Domenicani: “Processo di crescita della città”

L'amministrazione comunale consegna, nel giro di pochi giorni, una serie di opere pubbliche in varie zone della città e si scusa per i disagi che i cantieri potranno portare ai cittadini

La città come un grande cantiere aperto. E’ l’immagine più reale che in questi giorni cittadini e pendolari hanno di Casarano. La concomitanza dell’apertura di diversi cantieri per la realizzazione di opere pubbliche ha reso difficile e disagevole la percorribilità delle strade. In queste condizioni, diventa facile per l’amministrazione civica diventare bersaglio degli automobilisti che non sopportano cambiare gli abituali percorsi. Consapevole dei disagi che sta arrecando, Palazzo dei Domenicani ha emesso nei giorni scorsi un comunicato stampa per elencare ai cittadini i cantieri aperti, scusandosi per gli eventuali disagi. Da pochi giorni sono cominciati i lavori di manutenzione straordinaria e fogna bianca di corso XX Settembre che interessano, in questo periodo, il primo tratto, compreso tra via Matino e l’incrocio di via Solferino. La principale e più trafficata arteria cittadina (stimati oltre 15.000 autoveicoli che la percorrono ogni giorno) sarà interessata, più che da un restyling, da un intervento radicale che comporterà, oltre al rifacimento della sede stradale, l’interramento dei cavi e la rimozione dei pali Enel, la messa in quota di chiusini e la sistemazione del tratto di fogna bianca tra via Solferino e viale Stazione. Lo stesso giorno erano iniziati i lavori per la realizzazione di parcheggi pubblici nell’ex Arena Moderna, in via Padova. Anche questo cantiere è ubicato nel centro storico e, per il momento, ha determinato la perdita di una ventina di posti auto. Sempre nel centro storico, si sta procedendo al completamento dei lavori presso il Sedile e la Torre dell’orologio in piazza Diaz. Lavori per la realizzazione di strade e opere di urbanizzazione sono cominciati, inoltre, in contrada “Saraceni” e nel rione “Botte”. In questo quartiere è prevista la sistemazione di alcune strade e di marciapiedi di via Poerio, via Preite, via D’Azeglio e via Ungaretti. I lavori prevedono lo scavo o la demolizione dei marciapiedi esistenti, il collocamento o la risistemazione dei cordoli, la costruzione di vespai e massetti e la pavimentazione dei marciapiedi con l’istituzione di rampe inclinate per consentire, con l’abbattimento della barriera architettonica, il normale utilizzo degli stessi alle persone diversamente abili e agli anziani. Infine, si sta operando la sistemazione di alcuni tratti stradali extraurbani nel rione “Pietra Bianca”, in contrada “Sant’Oronzo”, nella via vicinale “Tammaro”, in contrada “Tamborrini”, in contrada “Petrose” e “S.Angelo”. “Sono lavori, per certi versi, non più procrastinabili, che certamente miglioreranno i quartieri e le strade interessate – afferma il sindaco Remigio Venuti – l’intervento più sostanziale riguarda i lavori di sistemazione di corso XX Settembre. L’intento è quello di ridare alla città un’arteria importantissima e molto trafficata, migliorandone la fruibilità sia carrabile che pedonale. La realizzazione di questa serie di interventi nel settore delle opere pubbliche è un sostanziale passo in avanti nel processo di crescita della città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!