Casarano. Nuova politica sul fisco

Antonio Maggio solleva il problema

Ridistribuire il carico fiscale in base alla capacità contributiva dei cittadini. Dall’interessante dibattito sul bilancio consuntivo del 2006, che ha avuto la massima attenzione in questi ultimi giorni, è scaturita la proposta di una nuova politica sul fisco

Fisco. Un argomento molto sentito dai cittadini e che Palazzo dei Domenicani, a differenza di tanti altri comuni italiani, non ha ancora affrontato. Il problema è stato sollevato dal capogruppo consiliare della Margherita, Antonio Maggio, che definito “intollerabile ed iniquo” l’attuale sistema. Perché i cittadini devono pagare una retta fissa all’asilo nido comunale, contribuendo in misura uguale alle spese senza tener conto del proprio reddito? Perché le tariffe sulla spazzatura si continuano a pagare in base ai metri quadrati e non in base al reddito del proprietario della casa? Sono solo alcune delle riflessioni che il consigliere Maggio ha manifestato durante i lavori dell’assemblea cittadina del 5 ottobre scorso, citando altri tributi comunali applicati senza tenere conto della capacità contributiva dei cittadini. “Questo sistema di tassazione – spiega Maggio – non destava preoccupazioni negli anni Settanta e Ottanta in un quadro di finanza accentrata, dove lo Stato istituiva, accertava e riscuoteva la quasi totalità dei tributi, mentre gli enti locali avevano pochi tributi propri e la gran parte delle loro spese veniva coperta dai trasferimenti statali”. Per il consigliere, oggi questo sistema non è più tollerabile perché i tributi locali incidono direttamente sui bilanci familiari, oltre ad essere in evidente violazione con l’attuale normativa. “Imporre a tutti, ricchi e poveri, le imposte e le tariffe in misura fissa significa creare sperequazioni – osserva Maggio – perché si risolve in un vantaggio per i percettori di redditi elevati e penalizza i percettori di redditi bassi”. Il capogruppo diellino sottolinea, in particolare, sulla tassazione del servizio di spazzatura. “E` un sistema barbaro – sentenzia Maggio – non è più tollerabile far pagare le famiglie, anche i disoccupati, in base ai metri quadrati coperti. E lo stesso dovremmo fare con l'Ici. Questo è un sistema che non è più possibile portare avanti”. L’esponente della maggioranza, quindi, propone che la materia sia incluso nell’agenda politica dell’esecutivo. “E’indispensabile porre mano ai regolamenti e rimodulare le imposte e le tasse – chiede il capogruppo della Margherita – al fine di esentare i nuclei familiari più poveri senza però ridurre il gettito complessivo. Si richiede, in definitiva – conclude – l’adozione di una diversa politica di redistribuzione del carico tributario in favore delle famiglie più povere, in considerazione anche della attuale e difficile situazione in cui versa l’economia locale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!