Nuovo successo per Salento d'amare Taviano

Vittoria con il Verona

Prima vittoria stagionale per la Stilcasa Salento d’amare Taviano, che prima soffre contro un buon Verona, poi reagisce ed incornicia un successo in rimonta tutto cuore e grinta

La parte iniziale del primo set scorre via sui binari del più perfetto equilibrio, anche se è Taviano, col massimo scarto di due punti, a comandare stabilmente il punteggio (13-11, ace di Pinto; 16-14, schiacciata di Chocholak; 17-15, millimetrico fendente dello stesso opposto giallo-rosso). Il Verona ha un sussulto sul 18 pari, e grazie ad un mini-break vola sul +2 quando Belelli indovina un ace che fa 18-20. E’ la svolta del primo parziale, perché Taviano non riesce a reagire nonostante il time-out chiamato da Dagioni. I salentini lasciano campo libero alla Marmi Lanza (19-24), ed i veronesi con una conclusione vincente di Olieman (all’ottavo punto personale nel gioco d’apertura) fissano il 19-25 che vale il primo set. Per il secondo gioco sembra sia stato scritto lo stesso copione del primo. Taviano e Verona viaggiano in tandem all’inizio (5-7, punto di Olieman; 10-9, magia di Pinto), poi una delle due accende la freccia del sorpasso. Stavolta l’impresa riesce alla Stilcasa Salento d’amare che si presenta al suono della seconda sirena obbligatoria sul 16-13, sospinta dai punti di Jago e Chocholak e dai muri di Giosa. Taviano non si ferma, ed allunga sensibilmente il suo vantaggio sugli ospiti (22-14, con Moretti in evidenza nel turno di battuta). Bellelli firma tre punti consecutivi, spezzando il ritmo dei padroni di casa (22-18), ma sono Chocholak e Pinto (24-18) a ristabilire le distanze. E’ un mani-fuori ancora di Pinto a determinare il 25-19 e l’1 a 1 parziale nel computo dei set. La terza frazione si apre con un ace di De Giorgi, ma il primo scatto è del Verona che con Mosterts (muro su Pinto) e Botti (battuta vincente), passa a condurre sul 3-7. Il +4 degli ospiti sui salentini diventa la costante del parziale (7-11; 8-12; 10-14, qui con il punto di Janic che accusa una contrattura muscolare e lascia il posto a Canzanella). Una serie di errori in battuta dall’una e dall’altra parte non smuove praticamente la distanza tra le due contendenti (15-19, con Gato imprendibile; 17-21, errore in battuta di Pinto). Evenienza questa che permette alla Marmi Lanza, e a Gato ed Olieman in particolare, di costruire il 24-18 che una successiva invasione a muro di Moretti trasforma nel secondo set vincente di Verona. Nel quarto set si sbaglia ancora molto tanto sull’uno quanto sull’altro fronte, soprattutto in battuta. Ed il gioco, insieme allo spettacolo, stentano a decollare. Al primo time out obbligatorio il cartellone segna il +1 di Taviano; al secondo, invece, il taglio del nastro, sempre col minimo distacco, è a cura dei veneti. Il minuto di sospensione ricarica i leccesi (18-16; 20-18), ma Verona è lì a recuperare l’empasse (21-21). Uno straordinario Chocholak riporta la Salento d’amare in quota (23-21, con annesso time out chiamato da Zanini), poi Giosa scatena il PalaIngrosso quando dal centro indovina lo spiraglio giusto nel muro di Verona che apre le porte del tie-break. Nel set-spareggio è Taviano ad assumere il comando, dopo il break iniziale di Verona (8-4 al cambio di campo, con Chocholak a fare la differenza). Si riprende a giocare e l’opposto di Taviano serve un potente ace che costringe Zanini al time-out tecnico. Gato e Botti riavvicinano i veneti ai salentini (9-7), e stavolta a rifugiarsi nel minuto di sospensione è il tecnico giallorosso Dagioni. La Stilcasa Salento d’amare difende il +2 sui veneti (11-9), poi una bordata “in” di Chocholak ed una palla “out” di Gato confezionano il 13-9 che spiana ai padroni di casa la strada del primo successo stagionale. Giunto, puntuale, dopo un match ball anato da Verona con una conclusione vincente di Pinto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!