Contraffazione e droga. Tutto il Salento coinvolto

Diverse operazioni delle fiamme gialle

L'intero territorio provinciale è stato oggetto, nelle ultime ore, di controlli da parte delle fiamme gialle. Merce contraffatta e droga sono stati rinvenuti in diversi centri del Salento

Contraffazione e droga nel Salento. Sono stati numerosi i casi segnalati della Guardia di finanza nelle ultime ore nell’intero territorio della provincia. Fra la stazione di Lecce, la marina di Casalabate e San Cesario, i finanzieri della compagnia di Lecce hanno sequestrato, nel primo caso con l’ausilio di unità cinofile antidroga, numerose dosi di hashish e marijuana, segnalando 15 persone all’autorità prefettizia, nel secondo diversi cd musicali ed riprodotti illecitamente e nel terzo numerosi capi di abbigliamento contraffatti. Per tre extracomunitari sprovvisti di permessi di soggiorno sono state avviate le procedure per il rimpatrio. Ma traffici di droga e di merce contraffatta sono stati scoperti anche nel basso Salento. Fra Gallipoli, Galatina, Casarano, Parabita e Racale, infatti, i finanzieri della compagnia di Gallipoli hanno sequestrato numerose dosi di hashish e dosi di cocaina, segnalando un totale di undici persone all’autorità prefettizia, ed altri capi di abbigliamento contraffatti, eseguendo in questo caso una denuncia. Un altro deferimento a piede libero, per lo stesso reato, anche ad Otranto. Ad Ugento, infine, finanzieri della tenenza di Casarano hanno sequestrato dosi di hashish segnalando al prefetto un consumatore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!