Prof sexy. La colpa è del cestista?

Domani l'interrogatorio

L'interrogatorio di domani potrà gettare nuova luce sulla vicenda del filmato che ritrae la “prof sexy” che si lascia toccare dai suoi allievi in classe. Risponderà alle domande il giocatore di pallacanestro, responsabile, forse, di aver inserito il video su internet

E’ stato davvero il giocatore di pallacanestro, poco più che ventenne, di origine argentina, ad inserire sul web il filmato sulla docente di Monteroni, la ormai ribattezzata “prof sexy” che si sarebbe lasciata palpeggiare in classe dai suoi allievi? L’atleta sarà ascoltato nelle prossime ore e intanto tutte le figure coinvolte in questa inchiesta si attribuiscono a vicenda le responsabilità scaricandole dall’uno all’altro. Domani il giovane dovrà presentarsi nella caserma del comando provinciale dei carabinieri di Lecce. Il suo nome è stato inserito nel registro degli indagati quando gli investigatori sono riusciti a risalire all’indirizzo del computer dal quale è stato inserito su YouTube il primo dei due filmati che hanno fatto il giro della rete. Il caso, che ormai ha assunto dimensioni forse impensate all’inizio, se non altro per quanto parlare ha scatenato, è seguito dal sostituito procuratore Maria Cristina Rizzo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!