Partono le iscrizioni a laboratorio IMMAGInARIA

Percorso coreografico-teatrale

Al via le iscrizioni dall'8 ottobre al laboratorio coreografico/teatrale condotto da Silvia Lodi, attrice e Stefania Mariano, danzatrice/coreografa, unendo quindi insieme due discipline artistiche, teatro e danza

Il laboratorio è rivolto a danzatori, attori, musicisti, con esperienza ed a chiunque abbia la curiosità ed interesse a scoprire e risvegliare le proprie capacità sensoriali, espressive, creative, per espandere e sviluppare la propria capacità di comunicazione con gli altri e con lo spazio. Il laboratorio è dedicato al valore dell’immagine all’interno della danza e del teatro e intende, attraverso gli strumenti pratici e teorici di lavoro, sviluppare una coscienza corporea, con l’int ento di far dialogare i due linguaggi, per approfondire il piacere della ricerca, concedendosi il giusto tempo per analizzare, scavare, scoprendo un percorso che va sempre più in profondità. Un luogo di scambio dove verranno sviluppate, attraverso un percorso laboratoriale, le tecniche fondamentali per un vocabolario motorio sempre nuovo e diverso, osservando come il movimento spontaneo, la gestualità, l'immobilità, la relazione con lo spazio, la respirazione, le azioni performative, il testo, il peso, possano essere influenzati e variare a seconda dell'ispirazione, degli stimoli, dei flussi di energia che corrono tra i corpi, dando libertà al corpo e alla voce. Il laboratorio coreografico/teatrale, fondato sull’incontro delle due discipline, prevede due incontri settimanali della durata di tre ore. Nel primo giorno si alterneranno le singole discipline, per poi nell'incontro successivo sviluppare un lavoro coordinato tra le due insegnanti. È PREVISTO UNO SCONTO PER GLI UNIVERSITARI. Per info: La Fabbrica dei Gesti San Cesario di Lecce iscrizioni – Via Cerundolo, 66 (largo scuole medie)info:347.5424126 – 347.9021446 e-mail: [email protected]

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!