Dibattito sui lavori pubblici al Comune di Nardò

Cosimo Caputo replica al consigliere Oronzo Capoti

Cosimo Caputo, assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Nardò replica al consigliere Oronzo Capoti sugli interventi da realizzare in città

* di Cosimo Caputo Ci fa piacere avere un vicepresidente del consiglio comunale impegnato a sollevare le problematiche della città e a fare esternazioni sugli argomenti più disparati, ma se fosse un poco più attento eviterebbe di collezionare pessime figure. I lavori per la sistemazione della scuola di via Pilanuova sono stati già appaltati e notizie in merito alla gara sono state date dalla stampa il 14 settembre scorso. Anche non volendo chiedere notizie ufficiali, se il consigliere Oronzo Capoti avesse almeno letto la stampa avremmo potuto evitare sterili polemiche. Quanto ai tempi per la realizzazione dei lavori, da un amministratore capace ci si attenderebbe quantomeno la conoscenza minima delle procedure di gara, i cui atti sono comunque a sua disposizione. D’altro canto, se c’è una persona che tiene a cuore le problematiche della scuola di via Pilanuova è proprio il sottoscritto essendo presidente del Consiglio di circolo da ormai dieci anni. Quanto all’impianto Polivalente della zona 167, la Regione Puglia ha concesso un finanziamento di 300.000 euro per la trasformazione del campo polivalente in due campi per calcetto, pallavolo, palla a mano, ecc., con pavimentazione in erba sintetica ecologica, la costruzione di un nuovo fabbricato per spogliatoi ed altri lavori. In data 15 gennaio 2007 il credito sportivo ha concesso i mutui richiesti per circa 180.000 euro (di cui la metà a carico delle casse comunali) e in data 31 luglio 2007 è stata pubblicata sul bollettino ufficiale della Regione la delibera con il reimpegno di spesa e l’approvazione del piano di riparto. Siamo in attesa del formale accreditamento dei fondi per procedere all’appalto dei lavori. L’amministrazione comunale, quindi, sta seguendo molto da vicino i problemi sollevati dal vicepresidente che, rivestendo ruoli istituzionali, farebbe meglio ad informarsi, o quantomeno a leggere i giornali, prima di scrivere lettere o fare interventi. Questo sempre che, dietro le esternazioni, non ci sia solo la voglia di apparire. * assessore ai Lavori Pubblici del Comune di Nardò

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!