Rispettare l'ambiente. Garrisi consiglia

Carta e riciclo. Il pentalogo per gli studenti

Cinque semplici regole da tenere presenti quotidianamente tra i banchi di scuola. Un modo per apprendere la salvaguardia ambientale fin da bambini. E’ l’idea di Gianni Garrisi, assessore alle Politiche ambientali del Comune di Lecce

Alcune buone regole a salvaguardia dell’ambiente da indicare agli studenti. E’ questo il senso dell’iniziativa di Gianni Garrisi, assessore alle Politiche Ambientali del Comune di Lecce, in occasione dell’inizio dell’anno scolastico e sulla base dei suggerimenti di Comieco (Consorzio per il Recupero ed il Riciclo di Imballaggi a base di Cellulosa). Ecco il veloce pentalogo per gli studenti: – non usare la carta “bella” per la brutta copia. Per la prima stesura di un tema o per eseguire dei calcoli usare il retro dei fogli che non servono più. Il risultato è assicurato: si eviterà di sprecare carta e si consegnerà un compito più ordinato; – cercare di allungare la vita della carta, tenendo vicino al cestino un contenitore per la carta che può essere ancora utilizzata; – il riciclo non riguarda solo fogli e quaderni, ma sono fondamentali anche gli imballaggi di cartone e cartoncino, come le scatole di pennarelli e pastelli; – piegare gli imballaggi prima di riporli nei contenitori, perché in questo modo verrà facilitato il lavoro degli operatori che raccolgono carta e cartone; – gli involucri con residui di cibo, come la carta oliata della pizza, non vanno nel contenitore di carta, ma nel cestino dei rifiuti indifferenziati. “E’ giusto – rileva l’assessore Gianni Garrisi – che il rispetto per l’ambiente venga appreso già tra i banchi di scuola, essendo gli studenti di oggi gli adulti di domani, chiamati a proseguire e migliorare le iniziative a tutela del nostro mondo. I ragazzi devono capire che differenziare i materiali facilita e migliora il processo di riciclo. Basti pensare – continua – che se ognuno degli studenti delle elementari, medie e superiori riciclasse solo una confezione di pennarelli o la copertina di un album da disegno si potrebbero raccogliere oltre 114 tonnellate di carta e cartone. Una montagna di macero utile per produrre nuovi quaderni”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!