Via libera al progetto Riso

I nuovi servizi on line della Provincia di Lecce

Il Portale di servizi on line per cittadini ed imprese www.riso.puglia.it supera con successo la verifica finale del Centro Nazionale per l’Informatica nella Pubblica Amministrazione (CNIPA). L’organismo opera presso la Presidenza del Consiglio per l’attuazione delle politiche del Ministro per le Riforme e le Innovazioni nella Pubblica Amministrazione

A darne notizia è l’assessore all’Innovazione della Provincia di Lecce Giovanna Capobianco, che esprime grande soddisfazione per l’importante traguardo raggiunto, grazie all’impegno ed alla competenza del team tecnico coordinato dall’ing. Luigi Tundo (Dirigente dei Servizi Informatici) e di tutti i funzionari della Provincia coinvolti nell’attuazione di RISO (Rete ionico salentina per l’occupazione), il progetto di e–government cofinanziato dalla Regione Puglia e dal Ministero per l’Innovazione, che coinvolge le tre Province di Lecce (ente capofila), Brindisi e Taranto, e 80 tra comuni ed enti della stessa area. L’ultimo monitoraggio del progetto, previsto nell’ambito del finanziamento ministeriale, si è svolto il 10 settembre scorso, presso la sede dei Servizi Informatici della Provincia di Lecce, in via Botti. L’esame di quanto realizzato fino ad oggi è un passaggio obbligato per la prosecuzione del progetto stesso. Il CNIPA ha, tra gli altri, proprio il compito di controllare che gli obiettivi e i risultati dei progetti di innovazione della pubblica amministrazione siano coerenti con la strategia del Governo. Per questo, si affianca alle amministrazioni pubbliche nella fase di progettazione ed emette “pareri di congruità” strategica, tecnico-economica e giuridico–amministrativa. Tutti aspetti che i funzionari del CNIPA, seguiti dal capoprogetto RISO Luigi Tundo, hanno controllato nel dettaglio, concludendo la verifica con un giudizio positivo, che consente ora alla Provincia di Lecce di proseguire con successo sulla strada del miglioramento dei servizi offerti ai cittadini e alle imprese attraverso internet. 1/2 Molto positivo, inoltre, è stato il riscontro del coinvolgimento del territorio nella fasi di attuazione del progetto. Il monitoraggio vero e proprio, infatti, è stato preceduto da un incontro tra l’assessore provinciale Giovanna Capobianco, il dirigente Luigi Tundo, i funzionari del CNIPA e alcuni Sindaci dei comuni che hanno aderito a RISO nelle tre province di Lecce, Brindisi e Taranto (Corigliano d’Otranto, Martano, San Vito dei Normanni e Ginosa). Sono oltre 80 i servizi per il cittadino e le imprese accessibili direttamente da casa o in ufficio attraverso un computer connesso ad internet o un telefono: dai pagamenti on line, alle dichiarazioni, alle richieste di autorizzazioni, denunce di avvio nuova attività, comunicazioni obbligatorie ai Centri per l’impiego per l’assunzione di personale ecc. e, ancora, avvisi e bandi pubblici, le guide interattive alle dichiarazioni fiscali, modulistica, informazioni utili, appuntamenti; la possibilità di esprimere la propria opinione sulle politiche di governo locale attraverso un Forum on line, di rivolgere domande agli addetti della Pubblica Amministrazione, o di avere informazioni con una semplice telefonata ad un Contact Center (0832/236711). La gestione delle infrastrutture e dei sistemi informatici che consentono ai diversi software utilizzati di funzionare con velocità e sicurezza è garantita quotidianamente dal Centro di servizi tecnologici, una vera e propria “Information Farm” creata nella sede della Provincia di Lecce di via Botti. La costruzione di un unico portale web d’accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione ha richiesto un lungo lavoro di revisione ed omogenizzazione dei procedimenti amministrativi, ed un grande sforzo tecnico-organizzativo e di coordinamento da parte dell’Ente provinciale, che affiancato dai partner IRFI (Istituto di Ricerca sulla Formazione Intervento) per gli aspetti organizzativi ed Engineering Sanità Enti Locali S.p.A., per gli aspetti tecnologici, ha promosso molteplici iniziative di coinvolgimento diretto di amministratori locali, dirigenti, funzionari, operatori.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!