L'addio di Ria

La lettera di dimissioni da consigliere provinciale

Con una commossa lettera ai rappresentanti istituzionali del Comune e della Provincia di Lecce, Lorenzo Ria ha lasciato il suo incarico di consigliere provinciale. Gli impegni di senatore, ha detto, gli avrebbero impedito di svolgere il compito al meglio

L’impegnativo onere connesso all’esercizio del mandato senatoriale, che da poco ho assunto e che, a partire dai prossimi giorni, esigerà una mia permanente disponibilità per le sedute di commissione e d’aula, mi convince a rassegnare le dimissioni da consigliere provinciale. Ho molto riflettuto su tale scelta, soprattutto perché ho grande consapevolezza dell’affetto e del significato dell’amplissimo suffragio di cui i miei concittadini di Taviano e i cittadini di Matino mi hanno gratificato nell’elezione a consigliere provinciale. Lo stesso affetto, però, i cittadini di Taviano e Matino e gli elettori salentini mi hanno manifestato, gratificandomi di un ampio consenso nelle elezioni senatoriali 2006. D’altro canto, il vasto e motivato dibattito sulla linearità e sobrietà della politica mi persuade della necessità di non dover ricoprire, contemporaneamente, più ruoli istituzionali, anche se affidati da mandato popolare. Auguro al Presidente della Provincia di Lecce, al quale rinnovo i miei sentimenti di affetto e sostegno politico, di portare a compimento il progetto di modernizzazione del Salento e di innovazione dell’impianto istituzionale dell’Ente Provincia che è l’asse del suo programma elettorale. Ringrazio tutti i consiglieri provinciali per il rapporto di civiltà e di amicizia che reciprocamente abbiamo costruito. Agli amici consiglieri della Margherita rivolgo il sincero ringraziamento per l’arricchimento umano e politico che il percorso comune mi ha procurato, invitandoli a testimoniare sempre con forza i propri valori e le proprie motivate convinzioni, che sono un seme indispensabile per l’attecchimento ed il consolidamento del partito democratico. Auguro buon lavoro all’amico Roberto Falconieri, che mi sostituirà in Consiglio Provinciale, nella convinzione che porterà un contributo importante al successo della coalizione guidata dall’amico Giovanni Pellegrino. Le dimissioni da consigliere provinciale comportano la contemporanea decadenza dalle funzioni di Presidente della Fondazione I.C.O. Tito Schipa di Lecce Onlus. Ringrazio profondamente il Presidente Pellegrino per avermi delegato tale prestigiosa funzione culturale, nel corso del cui esercizio, coadiuvato da un consiglio d’amministrazione e da un management eccezionali, pur in un periodo di gravi difficoltà per gli enti culturali, abbiamo conservato saldezza di bilancio, certezza di regole, qualità del prodotto artistico. Assicuro i lavoratori dipendenti della Fondazione che continuerò sempre, con eguale impegno, a seguire l’attività dell’orchestra e a sostenerne il cammino istituzionale, artistico e di equilibrio economico, sempre pieno di difficoltà ed insidie. Un caloroso riconoscente ringraziamento, infine, rivolgo a tutti i dipendenti della Provincia di Lecce, i primi nel mio affetto e nei miei sentimenti personali. Lorenzo Ria

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!