Un altro amore

L'amore in tempo di guerra

Non piangere mi dicono..non disperarti..tuffati in un'altra storia e vedrai..passerà! Fidati..chiodo-scaccia-chiodo! Così dicono.. Poveri amici miei..povera tutta la mia generazione..avete imparato l'amore fra i versi caldi di Neruda e avete pianto per le sue “Venti poesie d'amore e una canzone disperata”..e andate in giro a predicare che l'amore è solo gioia, felicità, passione..ma vi sbagliate! L'amore è anche sconforto, dolore e abbandono..e vi dirò..nessuno ha cantato l'amore come Izet Sarajlic, poeta di Sarajevo e testimone della grande tragedia bosniaca. Nessuno ha cantato l'amore come questo poeta di guerra cha ha rifiutato l'asilo che gli offriva mezza Europa per condividere la tragedia del suo popolo..quel popolo che recitava a memoria i suoi versi. E così..non risparmiandosi e non risparmiando la sua poesia ha scritto d'amore in tempo di guerra..ha scritto di un amore che non conosce fine..che non conosce guerra..nè vincitori nè vinti..

Un altro amore Se in me un giorno, semmai, spuntasse un altro amore- avrebbe vita dura con me. Dovrebbe avere lo stesso viso del mio primo amore. Lo stesso ricciolo. Lo stesso naso all'insù. Lo stesso colore degli occhi. La stessa andatura. Le stesse abitudini. Persino lo stesso indirizzo. In verità, questo non sarebbe il mio secondo amore. Sarebbe semplicemente il seguito del mio primo, unico amore. (Izet Sarajlic, da “Qualcuno ha suonato”, Multimedia edizioni)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!