Primo giorno di lavoro per il Volley Taviano

Parte la nuova stagione

La nuova Stilcasa Volley Taviano si è ritrovata da lunedì in sala pesi e in palestra. Il “primo giorno” di lavoro è continuato poi al PalaIngrosso, tra esercizi atletici e prime sfuriate sotto rete con il pallone

Parte da un caldissimo lunedì di fine agosto la nuova stagione della Stilcasa Volley Taviano. Parte dalla consapevolezza di dover affrontare un’annata impegnativa, per via di un girone, quello dell’A2 edizione 2007-2008, composto da formazioni di prim’ordine, e per un regolamento (date le numerose retrocessioni dirette in terza serie) che quest’anno non ammette sbandamenti e cali di concentrazione. Come annunciato, agli ordini di Dagioni si sono presentanti in undici (i palleggiatori De Giorgi e Stomeo; gli opposti Chocholak e Romani; i centrali Giosa, Moretti e La Forgia; gli schiacciatori Pinto, Mugnaini e Carafa), essendo rimandato al 23 agosto prossimo l’arrivo nel Salento del “posto 4” Eerik Jago, fino a quella data impegnato con la nazionale estone. “Ho trovato un ottimo spirito tra i ragazzi – commenta mister Massimo Dagioni – Hanno iniziato a lavorare con entusiasmo ed è questo un buon segnale per partire nella nuova annata col piede giusto. Ci impegneremo per offrire una buona pallavolo, al Salento in particolare ed all’Italia del volley ed in generale. Questa della preparazione pre-campionato è una fase importante e delicata. Ci aspettano sette settimane di lavoro per poter giungere nella migliore forma possibile all’avvio del torneo. Ed essere ovviamente pronti sia sotto l’aspetto fisico, sia sotto quello tecnico. I ragazzi durante la pausa estiva – conclude il tecnico romano – hanno seguito tutti un piano atletico individuale di preparazione, in modo da non far staccare loro completamente la spina”. Lapidaria e secca la risposta dell’allenatore quando gli è stato chiesto come ha vissuto il ritorno a Taviano, nel primo giorno di lavoro al PalaIngrosso: “Qui sono a casa mia…”, ha detto Dagioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!